Condividi: Ok Notizie Technorati Virgilio Facebook
Mail Tg0+Scrivi alla redazione di Tg0-positivo

Macrolibrarsi.it presenta Arcoiris: Sementi biologiche e biodinamiche

Dice il saggio ...
È difficile capire quando fermarsi in una gara di resistenza (Il film 'Caccia a Ottobre Rosso')

Altri link utili nelle seguenti categorie di Tg0-positivo:
Tu sei unico » Riflessioni » Ecologia

La libreria di Tg0-positivo - Cerca tutti i libri che vuoi e altri prodotti originali a prezzi speciali su Macrolibrarsi
  • Arriva un cucciolo Autore: Valeria Rossi

  • Prodotti artigiani di qualità senza Ogm

    Prodotti artigiani di qualità senza Ogm

    Un messaggio chiaro dagli alimentaristi della Confartigianato della Marca Trevigiana

    Gli alimentaristi di Confartigianato Marca Trevigiana, oltre 500 imprese con più di 1500 addetti, aderiscono alla Coalizione Italia Europa – Liberi da OGM, sollecitano l’intervento del Governo e del Parlamento per garantire la corretta informazione dei consumatori e per valorizzare e difendere le produzioni tipiche e tradizionali del nostro artigianato agroalimentare (rappresentato da 80.000 imprese, con 240.000 addetti, che realizzano quasi il 90% delle specialità della cucina italiana).

    Nel corso della due giorni, che si è svolta il 27 ottobre scorso a Treviso, dedicata alle produzioni tipiche e alla promozione delle specialità della Marca, pastai, pasticceri, casari, panettieri, gelatieri di Confartigianato hanno ribadito l’impegno a produrre cibi secondo le ricette tradizionali e con materie prime sicure e naturali, prive di Ogm.

    La sesta edizione della rassegna “Le giornate dei sapori” ha infatti aderito alla campagna nazionale Liberi da Ogm, per raccogliere, entro il 15 novembre, 3 milioni di firme contro l’uso degli Ogm in difesa di un'agricoltura di qualità e di tutela della salute dei consumatori.

    “E’ di stamane la notizia che la Commissione Europea ha approvato il commercio del mais transgenico 59122 e altri tre 3 alimenti: la barbabietola, che sarà destinata esclusivamente alla produzione di zucchero e sciroppi, e altri due tipi di mais. Come categoria e consumatori vogliamo esprimere tutta la nostra preoccupazione rispetto a questa decisone - spiega Alessandro Ardizzoni, presidente degli alimentaristi di Confartigianato - Noi chiediamo che vengano preservate la qualità e la specificità dei nostri prodotti e ci battiamo contro l’omologazione dei gusti e la diffusione dei cibi ‘globalizzati’. I consumatori devono poter operare scelte consapevoli, in piena trasparenza e sicurezza, degli alimenti che acquistano. Un consumatore più informato e responsabile è l’arma migliore per contrastare i fenomeni della concorrenza sleale, delle contraffazioni, delle importazioni illegali di prodotti a costi irrisori e a scarso valore aggiunto. La salvaguardia delle tradizioni produttive dell’artigianato e delle piccole imprese è fondamentale per consentire alle nostre aziende ed al made in Italy alimentare di mantenere posizioni competitive sui mercati nazionale e mondiale.”.

    Anche la Provincia di Treviso era presente con un’importante stand curato dagli alunni del corso pasticceri del Cfp di Lancenigo. Inoltre, la Provincia ha distribuito le brochures riguardanti tutta l’offerta formativa provinciale.

    “La Provincia non poteva mancare ad una giornata per promuovere i prodotti artigianali della Marca – spiega il presidente della Provincia di Treviso, Leonardo Muraro – visto che i nostri Cfp sfornano pasticceri e panificatori di grande professionalità. Inoltre, faremo conoscere l’offerta formativa provinciale per chi vuole intraprendere un percorso di studi mirato in questo senso.”

    (15/11/2007 Tg0-positivo)