Condividi: Ok Notizie Technorati Virgilio Facebook
Mail Tg0+Scrivi alla redazione di Tg0-positivo

Macrolibrarsi.it presenta il libro: The China Study

Dice il saggio ...
La vera perfezione è opera del Cielo, ma farla brillare in se stessi è lavoro e dovere dell'uomo (Confucio)

Altri link utili nelle seguenti categorie di Tg0-positivo:
Tu sei unico » Hobbies » Animali

La libreria di Tg0-positivo - Cerca tutti i libri che vuoi e altri prodotti originali a prezzi speciali su Macrolibrarsi
  • Me lo Leggi?

  • Salviamo le balene in Islanda

    Salviamo le balene in Islanda

    Campagna di Greenpeace

    Roma, 7 settembre 2007 - Greenpeace rilancia oggi la sua campagna on line contro la caccia alle balene in Islanda. Sono già più di 120.000 le persone che si sono impegnate a prendere in considerazione di visitare l’isola, a patto che il suo Governo smetta di uccidere le balene. Il valore di quest’indotto turistico potenziale è di quasi 117 milioni di dollari, mentre la caccia alle balene non ha mai reso più di 3-4 milioni di dollari all’anno. Il 24 agosto, l’Islanda ha annunciato lo stop delle attività di caccia commerciale, ma il programma di caccia scientifica è ancora in corso.

    Il 24 agosto scorso, il Ministro della Pesca islandese, Einar K. Guofinnsson, ha dichiarato chiusa la caccia baleniera islandese che quest’anno ha ucciso 14 balene delle 39 in programma. “L’industria della caccia baleniera deve, come ogni altra industria, obbedire al mercato. - ha affermato il Ministro Guofinnsson - “Se non c’è profitto, non ci sono le basi per ricominciare a uccidere le balene”. In pratica, l’Islanda non concederà nuove quote di caccia fino a quando non ci sarà la possibilità di vendere carne di balena. Ma a chi? Solo l'1,1 per cento degli islandesi mangia carne di balena una volta a settimana o più - secondo un recente sondaggio - mentre l'82 per cento dei ragazzi dai 16 ai 24 anni non l'ha mai mangiata. E anche in Giappone, dove l’Islanda ha provato a esportare carne di balena, ci sono migliaia di tonnellate di carne invenduta, con cui addirittura si fa cibo per cani.

    “Greenpeace è lieta che il Governo islandese abbia finalmente ammesso che non c’è mercato per la carne di balena e che l’uccisione di questi cetacei è, anche economicamente, una follia” - dichiara Alessandro Giannì, responsabile della Campagna Mare di Greenpeace - “Ma fino a quando l’Islanda continuerà a uccidere balene, noi chiederemo ai nostri sostenitori di boicottare il turismo in questo Paese.”

    Come il Giappone, anche l’Islanda, infatti, ha un programma di caccia “scientifica”, rigettato dalla Commissione Baleniera Internazionale (IWC). Iniziato nel 2003, questo programma, che prevedeva di uccidere 200 esmplari, prevede l’uccisione di altre 6 balene!

    Lo scorso anno, Greenpeace ha localizzato il sito dove gli islandesi hanno sotterrato le carcasse di balene uccise solo per la stoltezza politica di un piccolo gruppo di speculatori che mette a rischio la florida industria del whale watching islandese. Le fotografie scattate da Greenpeace mostrano 179 tonnellate di carne di balenottera comune lasciate a marcire, pari ad almeno la metà del peso dei sette esemplari uccisi lo scorso anno.

    “Risparmiare la vita di 6 balene e cambiare una posizione insostenibile sul piano internazionale, potrebbe portare all’Islanda un bonus di entrate dovute al turismo” aggiunge Giannì. “L’Islanda è una meta attraente per i cultori del whale watching, ma chi ama davvero questi grandi cetacei non metterebbe mai piede in un Paese che li uccide, tra l’altro inutilmente”.

    Per informazioni:

    Ufficio stampa Greenpeace, tel. 06-68136061

    (09/09/2007 Tg0-positivo)