Condividi: Ok Notizie Technorati Virgilio Facebook
Mail Tg0+Scrivi alla redazione di Tg0-positivo

Macrolibrarsi.it presenta il cofanetto: Something Unknown - Mt0

Dice il saggio ...
La fiducia si perde in fretta e la si riconquista assai più lentamente (L.Lenti)

Altri link utili nelle seguenti categorie di Tg0-positivo:
Tu sei unico » Hobbies » Itinerari turistici

La libreria di Tg0-positivo - Cerca tutti i libri che vuoi e altri prodotti originali a prezzi speciali su Macrolibrarsi
  • Ottieni il Massimo dal Tuo Cervello

  • I viaggi di Tg0-Positivo: Siracusa e dintorni

    I viaggi di Tg0-Positivo: Siracusa e dintorni

    Una proposta di viaggio per tre giorni nella Sicilia greca

    di Paola Fantin

    I nostri nonni ancor oggi se ne stupiscono. Sarebbe per loro inconcepibile una rivoluzione così repentina degli spazi e dei tempi.

    Eppure se avete voglia di visitare un angolo della Sicilia, diciamo Siracusa e i suoi dintorni, e avete a disposizione solo un fine settimana, lo staff di Tg0-Positivo che si dedica allo studio dei viaggi di breve, media, lunga durata per i suoi lettori vi propone questo facile itinerario.

    Con un volo diretto da Venezia a Catania, in un paio d’ore raggiungerete la Trinacria e dall’aeroporto catanese potrete farvi condurre alla vostra destinazione o con mezzi pubblici o con taxi oppure con un pullman precedentemente noleggiato, se vi trovate in gruppo.

    Vi consigliamo il mese di giugno, dal clima ancora tollerabile ma soprattutto stagione di rappresentazioni teatrali presso il Teatro Greco della città, risalente al V a.C..

    Già dall’aeroporto di Catania si può ammirare il vulcano Etna con il suo comignolo che, ovunque vi recherete, vedrete accanto a voi, presente, affascinante, minaccioso.

    Partendo alla mattina del venerdì, arriverete verso le 13-14 nella città di Siracusa.

    Tempo di prendere alloggio – lo staff di Tg0 ha sperimentato il 3 stelle Park Hotel, collocato sulla Siracusa alta, luogo abbastanza tranquillo, servizio discreto anche se l’aria condizionata, soprattutto ai piani alti, arriva rantolando – e già ci si può recare per un breve giro del centro storico di Siracusa, con l’Isola di Ortigia e la famosa fonte di Aretusa, una fonte d’acqua dolce proveniente da una grotta celebrata nell’antichità da Pindaro e Virgilio.

    Per la sera procuratevi i biglietti per andare a Teatro. Per i cittadini di Siracusa si tratta di un momento molto importante e molto prezioso, dove potrete ammirare l’eleganza delle donne e degli uomini della città.

    L’indomani, sempre con mezzi che avrete deciso di utilizzare in loco, potrete partire per un’escursione a Noto, la cui cattedrale è stata di recente restaurata ritornando al primigenio splendore.

    Poi si consiglia di proseguire verso il delizioso borgo marinaro di Marzamemi dove potrete pranzare lungo il mare, con piatti di buon pesce, proprio come nei migliori film del Commissario Montalbano.

    Il terzo giorno potrebbe essere l’occasione per visitare con maggior cura la città di Siracusa.

    E dunque, il Parco Archeologico della Neapolis, la Grotta dei Cordari e il famoso Orecchio di Dioniso, così chiamato dal Caravaggio per la sua particolare forma e per l’effetto acustico che permette di amplificare anche il più piccolo suono. Da non perdere il castello Eurialo, a 10 chilometri circa, la più originale opera di architettura militare di tutto il mondo greco (IV a.C.), geniale per il complesso e intricato sistema di gallerie e passaggi sotterranei che mettevano in comunicazione tutte le parti e rendevano possibile il rapido spostamento delle truppe.

    E per finire in bellezza, una bella passeggiata lungo le vie della città di Taormina, per fare shopping e ammirarne il mare.

    Pochi lo sanno, ma proprio in questa città c’è una gigantesca magnolia, all’interno del parco di uno dei più lussuosi alberghi del centro.

    Si presume abbia oltre mezzo millennio di vita ed è possibile vederla anche dall’esterno della proprietà perché essa, come un enorme elefante, si protende sulla strada.

    Per poterla raggiungere, entrate nei giardini pubblici e la vedrete in una via che corre parallela.

    ******************************************************

    Le foto sono state realizzate dallo staff di Tg0-Positivo ad uso esclusivo del giornale stesso. Tutti i diritti sono perciò riservati.

    (07/08/2007 Tg0-positivo)