Condividi: Ok Notizie Technorati Virgilio Facebook
Mail Tg0+Scrivi alla redazione di Tg0-positivo

Macrolibrarsi.it presenta il libro: The China Study

Dice il saggio ...
Ricco si può dire chi vive col proprio avere (Anonimo)

Altri link utili nelle seguenti categorie di Tg0-positivo:
Tu sei unico » Riflessioni » Ecologia

La libreria di Tg0-positivo - Cerca tutti i libri che vuoi e altri prodotti originali a prezzi speciali su Macrolibrarsi
  • Più Sani senza Grano

  • Salvataggio in extremis

    Salvataggio in extremis

    La bella storia di una donna che ha salvato un animaletto del giardino

    Sembra la trama di un telefilm, invece è accaduto realmente. Protagonista, una donna italiana che da anni studia l’habitat delle campagne in cui vive, filmando la vita degli animaletti dei campi, dei boschetti e dei fiumi. Forse proprio questa sua passione e dedizione – l’osservazione è anche occasione per avvicinare le bestiole selvatiche e trovare il modo di comunicare con esse e il loro mondo - qualche tempo fa ha indotto una giovane cinciallegra a trovare il coraggio di avvicinarsi all’abitazione dove vive la studiosa per chiedere aiuto.

    “Ero tranquillamente intenta alle mie faccende – ci racconta Marcella nel corso dell’intervista – quando mi sono accorta che stava succedendo qualcosa di strano nel mio giardino. Ho visto un uccellino che sulle prime non ho riconosciuto subito, tanto era mal ridotto, andare e venire da un cespuglio vicino, cercando di attirare la mia attenzione e avvicinandosi a casa. Pigolava tristemente, ma era insistente, sembrava aspettare che uscissi. Quando finalmente mi sono decisa, ho visto che si trattava di una cinciallegra, una delle tante forse che mio marito nel corso dell’inverno nutre quando manca il cibo ed è freddo. Era davvero mal ridotta, come fosse caduta in una pozza di olio che l’aveva completamente avvolta.”

    La cinciallegra si è fatta prendere subito, cosa alquanto strana per un uccellino sempre molto guardingo e comunque selvatico. “Mi guardava muta, come per dirmi ‘aiuto’ – continua Marcella – Sapevo che il suo destino sarebbe stato segnato se non avessi fatto qualcosa. Era probabile che si fosse unta in qualche pozza persa magari da un trattore durante il suo lavoro nei campi. O chissà in quale altro modo. L’olio impedisce agli uccelli di volare e non li lascia respirare. In poco tempo muoiono tra terribili sofferenze”.

    Così armata di pazienza, di un vecchio spazzolino e di semplice … detersivo da piatti sgrassante, Marcella ha spazzolato con estrema delicatezza il manto piumato della bestiola che, sorprendentemente, se ne è rimasta tranquilla sopra il suo dito, lasciando fare per tutto il tempo che è servito. Pian piano, spazzolata dopo spazzolata, con pazienza certosina e con una certa emozione – perché il contatto diretto tra animali selvatici e uomini è sempre molto difficile e raro – Marcella ha ripulito la cinciallegra.

    Poi l’ha deposta al sole perché si asciugasse.

    Poco tempo dopo, l’animaletto non c’era più ma non se n’è andato senza mostrare la sua gratitudine: si è fatto notare e più volte pigolando con entusiasmo, ormai capace di riprendere il suo volo.

    Tg0-Positivo è lieto di ospitare questa bella storia che ancora una volta dimostra come gli animi gentili e pazienti siano di gran lunga superiori a quelli infelici e irascibili.

    Solo che sono così comuni e normali da non fare, paradossalmente, notizia.

    Ma di queste notizie, il mondo ha più che mai bisogno. I modelli positivi ci sono, basta saperli vedere. Non ci servono grandi gesti ma gesti grandi, compiuti nel mondo in cui viviamo ogni giorno. Raccontate questa storia vera ai vostri bambini e aiutateli a guardare il loro mondo con occhi che vedono e cuori che amano.

    (17/05/2007 Tg0-positivo)