Condividi: Ok Notizie Technorati Virgilio Facebook
Mail Tg0+Scrivi alla redazione di Tg0-positivo


Dice il saggio ...
Quanto tempo risparmia chi non sta a guardare ciò che il suo vicino dice o fa o pensa (M.Aurelio)

Altri link utili nelle seguenti categorie di Tg0-positivo:
Tu sei unico » Arte » Cinema

La libreria di Tg0-positivo - Cerca tutti i libri che vuoi e altri prodotti originali a prezzi speciali su Macrolibrarsi
  • Il Business del 21 Secolo

  • Medaglia Unesco ai fratelli Manfio

    Medaglia Unesco ai fratelli Manfio

    Un prestigioso riconoscimento per aver promosso il cinema tra i più giovani

    Venerdì 13 aprile a Parigi, durante uno degli incontri del Comitato Esecutivo dell’Unesco, Sergio e Francesco Manfio hanno ottenuto uno straordinario riconoscimento per il loro lavoro di promozione del cinema tra le nuove generazioni.

    I fondatori di Gruppo Alcuni sono stati insigniti della “MEDAGLIA UNESCO” per aver diffuso il progetto “CIAK JUNIOR – Il cinema fatto dai ragazzi” in tutto il mondo. CIAK JUNIOR offre infatti ogni anno a decine di milioni di ragazzi di 15 Paesi la possibilità di esprimersi attraverso il cinema, di poter raccontare con le immagini i loro sogni, le loro paure, le loro angosce, ma soprattutto la loro speranza per un mondo migliore.

    Durante le giornate di incontro più significative dell’attività dell’agenzia culturale delle Nazioni Unite l’Ambasciatore András Lakatos, che presiedeva l’Assemblea, ha offerto a Sergio e Francesco Manfio, e quindi idealmente a tutti i ragazzi del mondo, la prestigiosa platea composta dai delegati che rappresentavano le nazioni di tutto il mondo.

    Gli ideatori di CIAK JUNIOR hanno deciso che il modo migliore di presentare il loro lavoro fosse quello di proiettare una piccola, ma significativa, selezione dei loro cortometraggi. Sullo schermo della Sala XI della sede Unesco di Place de Fontenoy si sono susseguite quindi le toccanti immagini di Lucky, film sudafricano sull’AIDS; A trophy of my own, corto israeliano sull’handicap; Nessuno si senta escluso, uno straordinario racconto italiano contro le persecuzioni razziali. La breve retrospettiva si è conclusa sulle lievi immagini dell’irlandese Young love.

    Al termine della proiezione l’ambasciatore Lakatos ha consegnato ai Manfio brothers, come li ha simpaticamente definiti, il premio che rappresenta un’importante testimonianza del sostegno e del riconoscimento da parte dell’Unesco della loro preziosa attività nei confronti dell’infanzia e della gioventù.

    “E’ stata un’esperienza davvero entusiasmante, dice Francesco Manfio, raggiunto telefonicamente a Parigi, essere seduti al tavolo dei relatori e avere di fronte centinaia di persone, ognuna con l’indicazione del paese di provenienza (proprio come si vede nei film!) che si commuovono, ridono, applaudono i film scritti dai giovani di CIAK JUNIOR. L’unico rammarico è che i giovani autori non potessero essere con noi. Cercheremo in ogni modo, nel prossimo Festival che si terrà a Treviso a fine maggio, di condividere con tutti i partner di CIAK JUNIOR – gli amici di Canale 5, le emittenti straniere, gli insegnanti ma soprattutto i ragazzi – la magnifica festa dedicata dall’Unesco al nostro progetto!”.

    In sala erano presenti anche l’Ambasciatore italiano all’Unesco GIUSEPPE MOSCATO, che si è congratulato con Sergio e Francesco Manfio per l’importante riconoscimento ottenuto, ed ENGELBERT RUOSS, Direttore dell’UNESCO/BRESCE (il Regional Bureau for Science and Culture in Europe, con sede a Venezia), importante partner di CIAK JUNIOR per l’organizzazione del premio internazionale “Audiovisual Programme for Children’s Education” che viene consegnato ogni anno nell’ambito del Festival trevigiano.

    Appuntamento quindi a Treviso dal 21 al 26 maggio con i ragazzi di tutto il mondo che partecipano alla XVIII edizione del Festival Televisivo internazionale CIAK JUNIOR.

    (18/04/2007 Tg0-positivo)