Condividi: Ok Notizie Technorati Virgilio Facebook
Mail Tg0+Scrivi alla redazione di Tg0-positivo

Macrolibrarsi.it presenta la collana di dvd per l'infanzia Il Mondo di Ola

Dice il saggio ...
Ci sono delle volte in cui giochi una brutta partita, ma allora ripenso a tutte le volte che ho giocato bene e mi dico che sono un buon giocatore e che lo dimostrerò nel prossimo incontro (J.Barnes)

Altri link utili nelle seguenti categorie di Tg0-positivo:
Tu sei unico » Ricerca » Internet

La libreria di Tg0-positivo - Cerca tutti i libri che vuoi e altri prodotti originali a prezzi speciali su Macrolibrarsi
  • Mamma dopo i 35 anni Autore: Stefanie Schmid-Altringer

  • Diritto d’autore contro diritto alla cultura?

    Diritto d’autore contro diritto alla cultura?

    di Enrico Galavotti*

    La recente diatriba, scoppiata nel web nazionale, tra la Siae e alcuni siti gestiti da insegnanti, in relazione ad immagini jpeg riproducenti dipinti di artisti oggetto di copyright, utilizzate in ipertesti didattico-culturali, senza fini di lucro, ha posto un problema inedito all’attenzione di chi, in rete, s’era fino adesso limitato a citare le fonti e non a pagare royalties; un problema che si può riassumere nella seguente domanda: il diritto d’autore può condizionare il diritto alla cultura libera, offerta a titolo gratuito e in area pubblica?

    La Siae - che sino a ieri era intervenuta là dove poteva constatare usi non autorizzati di opere musicali, filmiche, editoriali ecc. - oggi pensa di agire anche nel settore delle immagini digitali, siano esse riproduzioni di dipinti o di fotografie. E non fa distinzioni, quando i materiali sono pubblici, tra siti culturali e siti commerciali, se non negli importi dovuti.

    Pare che le ingenti perdite causate dalla pirateria informatica, attraverso cui il mondo intero può impunemente scaricare film, musiche e software, stiano trovando nei siti amatoriali, dediti alla cultura e all’arte in particolare, una sorta di insperata compensazione.

    Come difendersi da queste interpretazioni così restrittive della legge n. 633/1941 sul diritto d’autore? Come prevenire l’atteggiamento di questo leone ruggente che da qualche anno s’aggira in rete in cerca di chi divorare?

    Per la Siae infatti ogni webmaster è, ipso facto, un “editore”: è sufficiente che metta in chiaro i propri files.

    Gli unici due modi per non pagare royalties sono o di usare (relativamente alle immagini) dei link esterni (p.es. il tag iframe), oppure di mettere i propri elaborati in area riservata, sotto password.

    Per la Siae c’è più differenza tra area riservata (accessibile solo agli iscritti) e area pubblica, che tra sito culturale (senza fine di lucro) e sito commerciale. La gratuità, nell’uso di immagini protette, è riservata alla didattica privata, non alla cultura pubblica. Le sue tabelle parlano chiaro.

    Le immagini, anche nel caso vengano pagate, non possono superare i 72 dpi di risoluzione e un sito amatoriale non può metterne in chiaro più di 50, altrimenti diventa come i siti intestati a persona giuridica: scuole, università, musei, biblioteche ecc. (Come poi si possa sostenere che una jpeg di così bassa risoluzione sia copia fedele di un dipinto di Picasso o di Kandinsky, questo solo la Siae può saperlo).

    Poiché detta società pubblica non ha mai emesso alcun comunicato stampa su questo suo singolare atteggiamento, gli insegnanti – che almeno avrebbero dovuto essere avvisati in tempo dal loro Ministero, al fine di poter controllare i loro ingenti archivi – di fatto stanno pagando di persona le conseguenze di un trend che improvvisamente hanno scoperto essere illegale.

    Di fatto il diritto d’autore può essere usato contro il diritto alla cultura offerta a titolo gratuito al mondo intero.

    È vero che, in questa fase iniziale, la Siae sta cercando di colpire quei siti culturali che dispongono di circuiti banner e di ad-sense di Google, come per voler in qualche modo legittimare il proprio arbitrio.

    Ma è anche vero che se nessuno reagisce, sarà una reazione a catena: il web culturale e artistico, messo in chiaro, inevitabilmente morirà.

    Infatti la stragrande maggioranza dei siti amatoriali possiede aspetti “commerciali” del tutto insignificanti, che non giustificano neanche lontanamente l’accusa di fare business con l’arte.

    Homolaicus.com p.es. ha un circuito banner del tutto gratuito; il proprietario del sito non ha rapporti diretti con alcun inserzionista di banner o loghi a pagamento, e non vincola in alcun modo la visione dei propri ipertesti culturali ad azioni di tipo commerciale. Il ricavato degli ad-sense di Google copre in maniera assolutamente ridicola le spese sostenute per gestire un sito generalista di oltre due giga di materiali.

    La Siae non transige neppure, in aperta violazione dell’art. 70 della L. 633, sull’uso porzionato delle immagini, asserendo che i diritti vanno pagati in ogni caso, sia che la jpeg riproduca il dipinto integrale o solo una sua parte.

    Su questo inaudito atteggiamento vi sono già state in Parlamento tre interrogazioni: due alla Camera (Cardano e Zanella) e una al Senato (Bulgarelli), e si sono mosse con un’identica petizione due associazioni di docenti: Anitel e Didaweb.

    Ciò che si chiede, fra le altre cose, è una moratoria di almeno un anno, onde permettere ai docenti e ai webmaster culturali di controllare i loro archivi sulla base dell’elenco degli artisti che la Siae mette a disposizione in un file pdf di non facile reperibilità.

    Ma la cosa più importante è quella di introdurre nella legislazione italiana il concetto americano di “fair use”.

    Il “fair use” – come dice Wikipedia - è un aspetto legislativo, concernente il diritto d'autore, che stabilisce la lecita citazione non autorizzata o l'incorporazione di materiale protetto dal diritto d'autore nel lavoro di un altro autore sotto certe specifiche condizioni.

    Le condizioni sono quelle che chiunque dotato di buon senso può immaginarsi: “promozione del progresso della scienza e delle arti utili".

    Un modo molto semplice sarebbe quello di aggiungere alcune precisazioni all’articolo 70 della L. 633:

    È sempre lecito un uso didattico o culturale, formativo o informativo, parziale o integrale di opere tutelate dal diritto d’autore, alle seguenti condizioni: che l’opera non venga alterata o modificata in modo da pregiudicare la paternità del suo autore; che pur in presenza di alterazioni o modificazioni si possa sempre e comunque risalire all’originale integro; che lo scopo dell’utilizzo sia manifestamente privo di alcun fine di lucro; che venga sempre citato il legittimo proprietario dell’opera in oggetto; che venga riportato, quando necessario, il nome della sede in cui l’opera è collocata, onde poterla identificare in maniera certa.

    È fatto obbligo all’utilizzatore di tali opere indicare che la licenza in cui intende distribuirle o farle pubblicamente fruire è del tipo copyleft: “Proprietà Comune Creativa”.

    Tale licenza ha effetti legali in tutti i Paesi che la riconoscono.

    Con l’espressione “assenza di fine di lucro” s’intende che la fruizione integrale dell’opera deve restare assolutamente gratuita e non può essere in alcun modo vincolata all’utilizzo di qualsivoglia forma di pubblicità.

    *autore di www.homolaicus.com

    (09/03/2007 Tg0-positivo)