Condividi: Ok Notizie Technorati Virgilio Facebook
Mail Tg0+Scrivi alla redazione di Tg0-positivo

Macrolibrarsi.it presenta il cofanetto: Geni fuori Controllo - Mt0

Dice il saggio ...
I premi vengono dal basso, le punizioni dall'alto (R.Carrieri)

Altri link utili nelle seguenti categorie di Tg0-positivo:
Tu sei unico » Riflessioni » Ecologia

La libreria di Tg0-positivo - Cerca tutti i libri che vuoi e altri prodotti originali a prezzi speciali su Macrolibrarsi
  • Sguardi di donne Autore: Claudia Rinaldi-Ausonia Minniti

  • Foreste del Canada a rischio

    Foreste del Canada a rischio

    Le sostanze liberate dai rifiuti inquinano le acque in Asia e Messico

    Roma, 12 febbraio - Greenpeace ha protestato oggi presso la sede della Kimberly-Clark a Mississauga (Ontario) per denunciare la distruzione delle foreste primarie del Canada. Quattro attivisti si sono rinchiusi negli uffici del noto produttore dei marchi Kleenex e Scottex, mentre nei corridoi altri hanno sparso trucioli di legno e diffuso il rumore di motoseghe, per simulare l’abbattimento delle foreste boreali.

    Questa protesta è solo l'ultimo episodio di una serie di iniziative organizzate in Europa, Stati Uniti e Canada, per chiedere alla Kimberly-Clark di rispettare le foreste. I fazzoletti da essa prodotti per il mercato statunitense sono fabbricati con il 100 per cento di fibre vergini, provenienti in misura consistente da operazioni distruttive in Ontario e Alberta.

    "Malgrado i continui richiami, questa multinazionale continua a distruggere le foreste boreali canadesi, uno dei più grandi ecosistemi ancora intatti al mondo" ha commentato Sergio Baffoni, responsabile campagna Foreste di Greenpeace. "Questo foreste, rimaste intatte per centinaia di anni, vengono letteralmente gettate nel water. Eppure sono essenziali per contenere le emissioni di gas serra e ridurre gli effetti del cambiamento climatico".

    Greenpeace chiede alla Kimberly-Clark di incrementare sostanzialmente la percentuale di fibre riciclate nei propri prodotti, e – ove necessario - di rifornirsi di fibre vergini provenienti solo da operazioni forestali responsabili, certificate FSC. Le alternative esistono e sul mercato sono già disponibili numerosi prodotti a base di fibre riciclate.

    Per maggiori informazioni:

    Sergio Baffoni, campagna foreste di Greenpeace

    Ufficio stampa, tel. 06/68136061 www.greenpeace.it

    (22/02/2007 Tg0-positivo)