Condividi: Ok Notizie Technorati Virgilio Facebook
Mail Tg0+Scrivi alla redazione di Tg0-positivo

Macrolibrarsi.it presenta il libro: La Scienza dell'Invisibile di Massimo Citro e Masaru Emoto

Dice il saggio ...
L'arciere assomiglia al saggio, perché quando la sua freccia non raggiunge il centro del bersaglio è in se stesso che ne cerca la causa (Confucio)

Altri link utili nelle seguenti categorie di Tg0-positivo:
Tu sei unico » Ricerca » Internet

La libreria di Tg0-positivo - Cerca tutti i libri che vuoi e altri prodotti originali a prezzi speciali su Macrolibrarsi
  • Anche se non sei perfetto Autore: Glenn Schiraldi

  • Didattica e cultura su libero Internet

    Didattica e cultura su libero Internet

    Interrogazione parlamentare sul diritto d'autore, alla Camera questa volta, da parte della deputata Cardano Annamaria

    INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

    AL MINISTRO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE

    AL MINISTRO PER I BENI E LE ATTIVITA' CULTURALI

    AL MINISTRO DELLE COMUNICAZIONI

    Per sapere premesso che

    a) la creazione e l'uso in internet di siti didattici e culturali a libero accesso si sta diffondendo sempre più nelle scuole tra le comunità di docenti e di studenti;

    b) tali siti non sono di natura commerciale;

    c) da diverse segnalazioni ricevute (ad es. per il sito www.homolaicus.com ) risulta che la Siae richiede il pagamento dei diritti d'autore per l'uso di alcune immagini utilizzate in ipertesti didattici sulla base della legge 22 aprile 1941, n. 633 modificata con legge 22 maggio2004, n.128, non individuando essa alcuna differenza tra uso didattico-formativo-culturale-istituzionale e uso commerciale;

    d) l'art.70 della citata legge 633 prevede la possibilità di citazione o riproduzione di brani o parti di opera e la loro comunicazione al pubblico se effettuati per uso di critica, di discussione e di insegnamento, nei limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all'utilizzazione economica dell'opera e che, se effettuati a fini di insegnamento o ricerca scientifica, l'utilizzo deve avvenire per finalità illustrative e per fini non commerciali;

    e) citare vuol dire anche riprodurre immagini in modo incompleto o degradato (come ad esempio nel caso delle risoluzioni adottate negli ipertesti didattici sugli attuali p.c. con il formato jpg), quindi la Siae dovrebbe distinguere tra copie identiche dell'opera, non ammesse, e citazioni delle stessa, ammissibili per legge;

    f) secondo l'art 90 della suddetta legge la riproduzione è considerata abusiva quando la foto originale riporta nome del fotografo (o ditta), data, nome dell'autore dell'opera d'arte fotografata, ma non lo è se mancano tali indicazioni;

    g) la soluzione spesso proposta dalla Siae ai docenti (mettere "sotto chiave", in area riservata gli ipertesti didattici) non è utile, perché rende inefficace e spesso anche inefficiente l'utilizzo degli stessi siti;

    h) esiste una petizione organizzata da Altroconsumo, associazione per la difesa dei consumatori ( www.altroconsumo.it ) per una modifica della legge sul diritto d'autore, basata sull'idea che la condivisione di opere multimediali, resa possibile da internet, sia un'occasione di crescita sia del singolo che della collettività;

    i) nella nostra legislazione è assente il concetto di "Fair Use" o "equo utilizzo" presente invece nella legislazione degli Usa, che permette di pubblicare materiali sotto copyright senza autorizzazione, purché a certe condizioni ben definite (eccezioni ai diritti d'autore o diritti connessi), ogni Paese dovrebbe promuovere il diritto di accesso all'informazione come bene comune mondiale, anche alle fasce di utenza svantaggiate.

    l) se i Ministri interrogati non ritengano che il principio della libera fruizione dei materiali didattici sia un presupposto che garantisce l'accesso democratico al sapere e che quindi vada salvaguardato in modo particolare;

    m) se non ritengano necessario, considerata la nuova situazione dovuta all'utilizzo di internet anche nel mondo della scuola, adoperarsi affinché venga modificata la normativa esistente in modo che siano ben differenziati i comportamenti da seguire nel caso di siti culturali e in quello dei siti commerciali, adottando per la scuola, nell'ambito della propria e specifica funzione educativa, formativa e didattica, i presupposti del "Fair Use";

    n) se non ritengano necessario adoperarsi affinché venga fornita agli insegnanti un'adeguata informazione sugli aspetti giuridici della gestione dei siti internet;

    o) se non ritengano necessario, in attesa di modifiche legislative, invitare la Siae ad una moratoria di almeno un anno per consentire ai docenti, e a quanti gestiscono siti culturali senza scopo di lucro, di controllare i loro patrimoni digitali rispetto all'elenco di artisti le cui opere sono oggetto di tutela.

    On. Anna Maria Cardano

    Roma, 8 febbraio 2007

    La petizione di Altroconsumo cui fa riferimento si trova qui: www.altroconsumo.it/map/src/140553.htm e www.altroconsumo.it/map/src/140613.htm

    (10/02/2007 Tg0-positivo)