Condividi: Ok Notizie Technorati Virgilio Facebook
Mail Tg0+Scrivi alla redazione di Tg0-positivo

Macrolibrarsi.it presenta Officina Naturae: Detergenti ecologici e cosmetici naturali

Dice il saggio ...
Conosci te stesso (Chilone (uno dei 7 saggi))

Altri link utili nelle seguenti categorie di Tg0-positivo:
Tu sei unico » Riflessioni » Ecologia

La libreria di Tg0-positivo - Cerca tutti i libri che vuoi e altri prodotti originali a prezzi speciali su Macrolibrarsi
  • Alleviare il Dolore

  • Cambiamento climatico, fatti non parole

    Cambiamento climatico, fatti non parole

    Una denuncia di Greenpeace

    Roma, 13 novembre. Mentre i ministri dell'ambiente di tutto il mondo sono in volo per Nairobi, Greenpeace sollecita l'Unione Europea ad attivarsi per ottenere risultati concreti alla Conferenza sui cambiamenti climatici in corso nella capitale kenyota.

    All'inizio della seconda settimana cruciale di negoziati, l'Ue si è impegnata solo a parole a combattere il cambiamento climatico, ma perché si proceda sulla strada tracciata dal Protocollo di Kyoto bisogna fissare gli obiettivi di riduzione delle emissioni di gas serra per il periodo 2008-12.

    "Dov'è finita la leadership europea nella lotta al cambiamento climatico? Noi non la vediamo" afferma Francesco Tedesco, responsabile clima di Greenpeace. "E l'Italia? Prodi segua l'esempio di Zapatero che ha reso obbligatori i pannelli solari per gli edifici di nuova costruzione o in ristrutturazione".

    A fine 2005 a fronte dei 6.5 milioni di mq installati in Germania, degli oltre 3 milioni di mq in Grecia e dei 2.3 milioni in Austria, la Spagna ne aveva quasi 530.000 e l’Italia meno di 520.000 mq. In relazione alla popolazione, l’Italia ha circa la metà del solare termico della Spagna.

    "Se l’Italia avesse la stessa superficie presente in Germania, si potrebbero risparmiare 600.000 tonnellate equivalenti di petrolio e circa 2 milioni di tonnellate di CO2, con tempi medi di recupero dell’investimento di pochi anni a seconda della fascia climatica" prosegue Tedesco.

    Per porre un freno agli sconvolgimenti climatici ed evitare che il riscaldamento terrestre superi la soglia dei 2 gradi centigradi è oggi di vitale importanza imporre un obiettivo di riduzione delle emissioni globali di gas serra del 50 per cento entro il 2050. Questo richiederà da parte dei Paesi industrializzati uno sforzo di riduzione di almeno il 75 per cento per quella data.

    Ufficio stampa, tel. 06/68136061

    ***************

    La foto è stata realizzata da Paola Fantin

    (23/11/2006 Tg0-positivo)