Condividi: Ok Notizie Technorati Virgilio Facebook
Mail Tg0+Scrivi alla redazione di Tg0-positivo

Macrolibrarsi.it presenta il libro: La Scienza dell'Invisibile di Massimo Citro e Masaru Emoto

Dice il saggio ...
Io non do nulla a colui che non chiede (Confucio)

Altri link utili nelle seguenti categorie di Tg0-positivo:
Tu sei unico » Riflessioni » Ecologia

La libreria di Tg0-positivo - Cerca tutti i libri che vuoi e altri prodotti originali a prezzi speciali su Macrolibrarsi
  • Warrior woman. Lozen, guerriera e sciamana apache Autore: Peter Aleshire

  • Entro il 2020 meno sprechi energetici in Europa

    Entro il 2020 meno sprechi energetici in Europa

    Previsti tagli dei consumi fino al 20%

    La crescente dipendenza dall'import, l'incertezza legata alle scorte mondiali di combustibili fossili accessibili, un riscaldamento globale sempre più marcato costringono l'UE ad una condizione di instabilità senza precedenti. Nonostante ciò in Europa non si arresta lo spreco energetico. Al contrario, l'inefficienza registrata è tale da determinare un surplus di consumo del 20% rispetto all'effettivo fabbisogno energetico. Una negligenza che ogni anno costa all'UE intorno ai 100 miliardi di euro.

    Con gli strumenti politici di cui dispone l'Unione Europea è in condizione – e, di fatto, in dovere - di intervenire ai differenti livelli di governo e di prendere provvedimenti per favorire l'utilizzo razionale ed efficiente delle risorse energetiche. È stato così concepito un Piano d'Azione europeo per l'efficienza energetica per realizzare in modo sostenibile l'ambizioso, ma realistico, potenziale di risparmio del 20%. Tale riduzione dei consumi consentirà di risparmiare 390 Mtep, di evitare l'emissione di 780 Mt di CO² (più del doppio rispetto alla quantità stabilita nel Protocollo di Kyoto) e un risparmio economico di 100 miliardi di euro all'anno.

    Il Piano identifica una serie di politiche e misure che concorrono al raggiungimento del traguardo per il 2020:

    • Adozione di requisiti di rendimento minimi per prodotti, edilizia e servizi in applicazione, e ad integrazione, della normativa comunitaria già vigente: Direttiva sull'Ecoprogettazione dei prodotti che consumano energia (2005/32/CE ), Programma Energy Star , Direttiva sull'Etichettatura (92/75/CE), Direttiva sull'Efficienza degli usi finali dell'energia e i servizi energetici (2006/32/CE), Direttiva sul rendimento energetico nell'edilizia (2002/91/CE).

    • Maggiore efficienza nella trasformazione energetica: attualmente la trasformazione consuma un terzo dell'energia primaria. Il margine di miglioramento nella produzione e distribuzione di energia è notevole: la generazione di energia elettrica ha un'efficienza di trasformazione del 40% quando le tecnologie di ultima generazione possono raggiungere rendimenti del 60%. Anche lo spreco nelle fasi di trasmissione e distribuzione, che normalmente si aggira intorno al 10%, può essere agevolmente ridotto.

    • Avanzamento nei trasporti: in Europa il settore incide per il 20% dei consumi di energia primaria. Il 98% dell'energia impiegata è di origine fossile. Il potenziale di risparmio deriva dall'utilizzo di mezzi più efficienti e più puliti, dalla migliore efficienza dei sistemi di trasporto marittimo e aereo, su gomma e rotaia, dal cambiamento delle abitudini nella scelta dei mezzi di trasporto.

    • Finanziamenti e incentivi a favore dell'efficienza energetica: sebbene la molte misure a favore del maggior rendimento siano convenienti e abbiano tempi di ritorno brevi, spesso, soprattutto nella PMI, non vengono adottate a causa di problemi di natura finanziaria. Per invertire la tendenza la Commissione mira a rimuovere le barriere normative che ostacolano il ricorso ai servizi delle ESCo, ai risparmi garantiti o condivisi, al finanziamento tramite terzi ed altre opportunità.

    • Cambiamento del comportamento: l'efficienza energetica inizia a casa e molto si può fare per promuovere l'uso razionale delle risorse presso i cittadini. Sono indispensabili corrette e diffuse campagne di informazione, educazione e formazione che raggiungano i portatori d‘interesse di ogni livello.

    • Parternariati internazionali: adozione di politiche di sviluppo e commercio internazionali bilaterali, con accordi, trattati e strumenti a promozione di tecnologie, soluzioni e tecniche ad alta efficienza.

    (Fonte: Facciamo tutti la nostra parte! n.15 Newsletter Energia)

    ****************

    foto by Paola Fantin

    (07/11/2006 Tg0-positivo)