Condividi: Ok Notizie Technorati Virgilio Facebook
Mail Tg0+Scrivi alla redazione di Tg0-positivo

Macrolibrarsi.it presenta il cofanetto: Geni fuori Controllo - Mt0

Dice il saggio ...
C'è una corrente nelle vicende umane che presa al momento della piena conduce alla fortuna (W.Shakespeare)

Altri link utili nelle seguenti categorie di Tg0-positivo:
Tu sei unico » Hobbies » Itinerari turistici

La libreria di Tg0-positivo - Cerca tutti i libri che vuoi e altri prodotti originali a prezzi speciali su Macrolibrarsi
  • Origami.Guida completa all'arte di piegare la carta Autore: Rick Beech

  • GiraSile, la greenway del Parco del Sile

    GiraSile, la greenway del Parco del Sile

    Realizzato a Treviso un itinerario per i visitatori della Marca

    Si sviluppa per 4 mila ettari che attraversano le Province di Treviso, Padova e Venezia, estendendosi nei comuni di Vedelago, Piombino Dese, Istrana, Morgano, Quinto di Treviso, Treviso, Silea, Casier, Casale sul Sile, Roncade, Quarto d’Altino. Proprio per questo, il Parco Regionale del Sile è considerato uno dei luoghi ambientali più preziosi del Veneto, meta di turisti e scolaresche attratti dalle sue tipicità.

    Per renderlo maggiormente accessibile, il Piano Ambientale del Parco ha previsto la realizzazione di una rete di percorsi - pedonali e ciclabili – per collegare i 94 chilometri che partono dall’area delle Risorgive (Casacorba di Vedelago) e arrivano alla Laguna di Venezia (Portegrandi). Questi percorsi, in parte esistenti e in parte in fase di realizzazione, sono oggi raccolti in un cofanetto di nove mappe che verrà distribuito ai visitatori.

    Si tratta del “GiraSile”, la greenway del Parco del Sile presentata la scorsa settimana in occasione dell’inaugurazione della Porta dell’Acqua a Vedelago. Qui si potranno trovare i luoghi caratteristici del Parco, come le risorgive, l’antico sedime delle “alzaie”, il percorso abbandonato della ferrovia militare “Treviso-Ostiglia” di cui il Parco del Sile è proprietario per oltre 10 chilometri, la strada militare romana “Via Claudia Augusta Altinate” e molti altri ancora.

    Il roadbook “GiraSile”, curato dalla Provincia di Treviso, l’Ente Parco Naturale Regionale del fiume Sile in collaborazione con i Comuni del Parco e cofinanziato dalla Comunità Europea, è costituito da mappe a colori che segnalano i quattro “Tesori del Sile” (natura, acqua, beni culturali, gusto) e le dieci “Gocce di Sile” (attrattive puntuali da visitare e che caratterizzano l’area), in italiano e inglese. Sono inoltre descritte una cinquantina di sagre e feste popolari minori, unitamente alle indicazioni per effettuare visite guidate sia in bici che su imbarcazioni tradizionali come la “Pantana” e ai riferimenti per le informazioni turistiche e per il soggiorno. La greenway GiraSile è accessibile da numerosi punti di sosta dislocati lungo il territorio, nei quali è possibile lasciare l’automobile e proseguire a piedi o in bicicletta.

    L’ingresso al Parco del Sile, presso la Porta dell’Acqua, diventerà un luogo di accoglienza e ricezione.

    Verranno realizzati un Giardino Botanico, una casetta digitale con computer per interagire, un posto ristoro per i visitatori, un presidio per la sorveglianza e un parcheggio per auto e corriere. Verranno inoltre completati gli oltre dieci chilometri della Treviso Ostiglia resi piste ciclopedonali.

    I lavori si concluderanno nel giro di un anno. L’obiettivo dell’amministrazione provinciale è far annoverare il Parco del Sile tra i Parchi Europei.

    (03/10/2006 Tg0-positivo)