Condividi: Ok Notizie Technorati Virgilio Facebook
Mail Tg0+Scrivi alla redazione di Tg0-positivo

Macrolibrarsi.it presenta la collana di dvd per l'infanzia Il Mondo di Ola

Dice il saggio ...
Per lo scienziato il sentimento religioso ha la forma di uno stupore estatico di fronte all'armonia delle leggi della natura (A.Einstein)

Altri link utili nelle seguenti categorie di Tg0-positivo:
Tu sei unico » Riflessioni » Ecologia

La libreria di Tg0-positivo - Cerca tutti i libri che vuoi e altri prodotti originali a prezzi speciali su Macrolibrarsi
  • Il quaderno degli alberi antichi e leggendari Autore: Paola Fantin

  • Francia, alta radioattività nelle falde acquifere

    Francia, alta radioattività nelle falde acquifere

    La denuncia di Greenpeace

    Acqua radioattiva, sette volte sopra i limiti europei in Normandia, usata dagli allevatori per le mucche da latte. Lo denuncia Greenpeace, che rende noto un rapporto pubblicato oggi dal laboratorio Acro, incaricato dal governo per questo tipo di analisi. I contaminanti arrivano alle falde dal deposito di rifiuti radioattivi di La Hague ed i livelli di radioattività sono in media di 750 Bequerels per litro, oltre sette volte il limite europeo di 100Bq/l. Nei campi vicino al deposito, nel 2005, sono stati riscontrati livelli medi nelle falde di 9000 Bq/l ovvero 90 volte il limite di sicurezza.

    Tra il 1967 ed il 1994 sono stati stoccati al deposito oltre 1.4 milioni di container di rifiuti radioattivi, pari ad un volume di 527 mila metri cubi. La maggior parte dei rifiuti stoccati proviene dalle 58 centrali nucleari francesi, mentre per circa il 10 per cento si tratta di rifiuti radioattivi provenienti da Germania, Olanda, Giappone, Belgio, Svizzera e Svezia, nonostante sia illegale per la legge francese stoccare rifiuti provenienti dall’estero.

    Grazie alle analisi effettuate vicino a La Hague si è visto che l’acqua è fortemente contaminata da trizio, che, secondo l’Agenzia francese per i rifiuti radioattivi, è un indicatore di futura contaminazione da altri radionuclidi – stronzio, cesio e plutonio – che presentano rischi di tumore. “Oltre trent’anni fa i francesi erano stati rassicurati sul fatto che, per la geologia e l’idrogeologia della zona, non c’era da temere alcuna contaminazione. In realtà i livelli di radioattività raggiunti sono migliaia di volte superiori a quelli di fondo. In Francia come nel resto del mondo non si è ancora trovata una soluzione sicura al problema delle scorie. Quanto ci metteremo per capire che il nucleare è solo un vicolo cieco?” afferma Giuseppe Onufrio, direttore delle campagne di Greenpeace.

    Scarica il rapporto (in inglese o francese) su www.greenpeace.fr.

    Roma, 23 maggio 2006

    Ufficio stampa, tel. 06/68136061

    (24/05/2006 Tg0-positivo)