Condividi: Ok Notizie Technorati Virgilio Facebook
Mail Tg0+Scrivi alla redazione di Tg0-positivo

Macrolibrarsi.it presenta Officina Naturae: Detergenti ecologici e cosmetici naturali

Dice il saggio ...
Aiuta gli oppressi a sorridere delle situazioni in cui si trovano (S.Wiesenthal)

Altri link utili nelle seguenti categorie di Tg0-positivo:
Tu sei unico » Riflessioni » Ecologia

La libreria di Tg0-positivo - Cerca tutti i libri che vuoi e altri prodotti originali a prezzi speciali su Macrolibrarsi
  • Arrendersi al corpo Autore: Alexander Lowen

  • Nucleare, un’energia poco conveniente

    Nucleare, un’energia poco conveniente

    Greenpeace commenta il Rapporto Energia e Ambiente 2005 dell'Enea

    Greenpeace commenta il Rapporto Energia e Ambiente 2005 dell'Enea pubblicato oggi, che contiene una chiara mistificazione sui costi del nucleare. “Secondo una tabella del rapporto, l’elettricità da nucleare costerebbe due centesimi di euro al chilowattora. E’ un’informazione del tutto infondata e se diffusa tra i risparmiatori potrebbe indurli a credere che il nucleare sia un buon investimento” commenta Pippo Onufrio, direttore delle campagne di Greenpeace. “Se il nucleare fosse così economico come si spiega che nei Paesi in cui il mercato è stato liberalizzato da tempo, Stati Uniti e Gran Bretagna, gli investimenti privati languono e i governi pensano di sussidiare pesantemente il nucleare?”

    Greenpeace ricorda come nel 2005 su proposta dell’amministrazione Bush il Congresso abbia approvato generosi sussidi al nucleare: prestiti per l’80 per cento del costo di costruzione e un contributo di 1,8 centesimi di dollaro per chilowattora, quasi quanto il costo dell’elettricità da nucleare stimato dagli autori del rapporto Enea.

    Le stime più ottimistiche del costo attualizzato del chilowattora, quelle elaborate nel 2005 dal Dipartimento Usa dell’energia, ci dicono infatti esattamente il contrario: il nucleare è la fonte più costosa, più del gas, del carbone e dell’eolico. “Il nucleare risulta più costoso sia nel breve periodo che nel lungo periodo (2025), con un costo che supera i sei centesimi al chilowattora, il più alto tra tutte le fonti energetiche, eolico compreso. Altro che due centesimi. Non bariamo!” ribatte Onufrio.

    Altri recenti studi del MIT (Massachusettes Institute of Technology) e dell’ Università di Chicago mostrano rapporti di costo ancora più sfavorevoli al nucleare. Senza un’iniezione di denaro pubblico, in sostanza, la sorte del nucleare negli Stati Uniti è segnata e non per un referendum ma per mancanza di investitori privati a causa degli eccessivi rischi di redditività degli investimenti. Se l’industria nucleare va sovvenzionata in modo così pesante nei Paesi in cui si è sviluppata non si capisce perché – anche solo in termini economici – si debba porre il problema in Italia. “Rispetto al costo del chilowattora prodotto da energia nucleare va ricordato che il costo del risparmio è inferiore: le analisi condotte sui programmi di efficienza e risparmio nei Paesi dell’Ocse mostrano che nei due terzi dei casi i costi del chilowattora risparmiato sono ben inferiori ai 6 centesimi” spiega Onufrio. Dopo 60 anni di ricerca applicata del nucleare il problema delle scorie rimane insoluto in tutta la sua drammaticità.

    NOTA BENE La tabella a cui fa riferimento Greenpeace sui costi del nucleare è pubblicata a pag.471 del Rapporto Enea, disponibile in rete: http://www.enea.it/com/web/pubblicazioni/REA_05/Analisi_05.pdf

    Roma, 2 febbraio 2006

    (28/02/2006 Tg0-positivo)