Condividi: Ok Notizie Technorati Virgilio Facebook
Mail Tg0+Scrivi alla redazione di Tg0-positivo

Macrolibrarsi.it presenta il LIBRO: Il Codice del Denaro di Raimon Samso

Dice il saggio ...
Sapere veramente è conoscere bene ciò che si sa e riconoscere che non si sa quel che si ignora (Confucio)

Altri link utili nelle seguenti categorie di Tg0-positivo:
Tu sei unico » Riflessioni » Ecologia

La libreria di Tg0-positivo - Cerca tutti i libri che vuoi e altri prodotti originali a prezzi speciali su Macrolibrarsi
  • TBA-2: Metodiche Avanzate di Terapia Bionomico-Autogena

  • Salva una foresta grande come la Lombardia

    Salva una foresta grande come la Lombardia

    Festa in casa Greenpeace

    Roma, 7 febbraio 2006 - Dopo un decennio di battaglie, Greenpeace festeggia oggi la decisione del governo della Columbia Britannica, in Canada, di proteggere due milioni di ettari di foreste e di assicurare buone pratiche forestali nelle rimanenti aree. L’area protetta è nota come la Foresta del Grande Orso.

    “Finalmente una buona notizia, foreste per una superficie di poco inferiore alla Lombardia sono salve”, commenta Sergio Baffoni, responsabile foreste di Greenpeace. “La Foresta del Grande Orso può rappresentare un buon inizio verso una rete globale di aree protette: queste preziose foreste pluviali temperate non possono essere distrutte per farne legname e carta igienica”. Le foreste pluviali temperate della Columbia Britannica sono le ultime foreste primarie temperate della Terra e vi abitano 25 comunità di popoli indigeni che si sono battuti in questi anni per difendere le foreste, che ospitano specie uniche al mondo, come il grizzly e lo “spirit bear”, un rarissimo orso bruno dal mantello bianco.

    Alberi di migliaia di anni vengono abbattuti per farne carta e legno: l'Italia è il quarto importatore mondiale di cellulosa dalla Columbia Britannica. Ora non succederà più: il governo locale, in seguito alle pressioni di Greenpeace (che quattro anni fa promosse anche azioni di protesta in Italia per impedire l’attracco di navi con legname proveniente da queste foreste) si è impegnato a:

    · proteggere il 33% della Foresta del Grande Orso da qualsiasi impiego industriale

    · adottare nelle restanti aree rigorose metodologie di taglio basate sul rispetto dell’ecosistema; si tratta di 6,4 milioni di ettari nei quali il prelievo dovrà essere pienamente responsabile e sarà affiancato a nuove aree protette.

    · promuovere forme diverse di utilizzo della foresta, dall’ecoturismo, alla raccolta di prodotti non legnosi, coinvolgendo i popoli nativi.

    Importante per arrivare alla protezione delle foreste canadesi è stata la pressione di oltre 80 aziende in tutto il mondo, come la BBC (che è anche editore), la Mitsubishi e la Federazione belga degli importatori di legno che hanno smesso di acquistare prodotti forestali provenienti dalla Foresta del Grande Orso. “L’annuncio di oggi rappresenta una svolta storica per le foreste del pianeta. Greenpeace ne verificherà l’applicazione affinché possa rappresentare un modello anche per altre regioni” conclude Baffoni.

    Ufficio stampa, tel. 06/68136061

    Greenpeace è un’associazione non violenta, che utilizza azioni dirette per denunciare in maniera creativa i problemi ambientali e promuovere soluzioni per un futuro verde e di pace.

    Greenpeace è indipendente e non accetta fondi da enti pubblici, aziende o partiti politici.

    (08/02/2006 Tg0-positivo)