Condividi: Ok Notizie Technorati Virgilio Facebook
Mail Tg0+Scrivi alla redazione di Tg0-positivo

Macrolibrarsi.it presenta il libro: La Scienza dell'Invisibile di Massimo Citro e Masaru Emoto

Dice il saggio ...
In ogni sforzo verso le cime, in ogni ascesa è contenuta una gioia indicibile. Un impulso interiore chiama irresistibilmente verso le altezze (Nicholas Roerich)

Altri link utili nelle seguenti categorie di Tg0-positivo:
Tu sei unico » Riflessioni » Ecologia

La libreria di Tg0-positivo - Cerca tutti i libri che vuoi e altri prodotti originali a prezzi speciali su Macrolibrarsi
  • Lo zen e l'arte del cucinare. Come ricostruire il piacere di una cucina consapevole Autore: Anna Fata

  • Il maiale non è un’invenzione!

    Il maiale non è un’invenzione!

    Greenpeace alla Monsanto

    Greenpeace denuncia oggi a Monaco, all’Ufficio Europeo Brevetti, il tentativo della Monsanto di brevettare diverse razze di maiali.

    Attivisti dell’associazione hanno portato alla sede dell’Epo (Ufficio Europeo Brevetti) un cesto con dei maialini, chiedendo all’Ufficio di rigettare la richiesta della multinazionale.

    I maialini sono della razza Schwaebisch Haellische, una di quelle che sarebbe oggetto di brevetto, ma che è stata selezionata in Germania fin dal 1820.

    “Il maiale non è un’invenzione. La Monsanto vuole derubare in questo modo gli allevatori. Ha richiesto 12 brevetti, elencando caratteristiche genetiche che sono comuni a quasi tutte le razze europee di maiali e pretendendo che i maiali con queste caratteristiche sono invenzioni della multinazionale!” afferma Federica Ferrario, responsabile Ogm di Greenpeace. Greenpeace ha fatto un esperimento.

    Prendendo come base le caratteristiche indicate in una richiesta di brevetto, la WO 2005/017204, ha analizzato le caratteristiche genetiche di 30 maiali di nove razze o i loro incroci.

    Otto razze e circa la metà dei maiali rientravano nella descrizione dei maiali per i quali la Monsanto chiede il brevetto. “Nel corso del 2005 sono stati concessi dall’ Ufficio Europeo Brevetti oltre 100 brevetti su piante, oltre 40 su animali e circa 200 su geni umani. Una cifra record, che non si era mai registrata prima in un solo anno. La corsa ai brevetti sul vivente deve finire!” afferma Ferrario.

    Roma, 16 dicembre 2005

    (03/01/2006 Tg0-positivo)