Condividi: Ok Notizie Technorati Virgilio Facebook
Mail Tg0+Scrivi alla redazione di Tg0-positivo

Macrolibrarsi.it presenta il cofanetto: No Impact Man - Mt0

Dice il saggio ...
Amico è uno che sa tutto di te e gli piaci lo stesso (Anonimo)

Altri link utili nelle seguenti categorie di Tg0-positivo:
Tu sei unico » Hobbies » Enogastronomia

La libreria di Tg0-positivo - Cerca tutti i libri che vuoi e altri prodotti originali a prezzi speciali su Macrolibrarsi
  • Al diploma e alla laurea con la dislessia Autore: AAVV

  • Il gusto delle stelle

    Il gusto delle stelle

    Da Treviso un progetto formativo per la ristorazione veneta moderna

    Nato dall’esigenza dei ristoratori di acquisire esperienza internazionale interpretando al meglio la ricchezza agroalimentare del territorio, il progetto “Il gusto delle stelle” segna nella Marca trevigiana un nuovo punto a favore di una enogastronomia di eccellenza.

    I primi risultati sono già arrivati: otto giovani chef e direttori di sala trevigiani hanno partecipato a un Viaggio Master Fullimmersion nel tempio della ristorazione mondiale, il Centro di Formazione di Alain Ducasse. Di ritorno dal loro viaggio in Francia, essi hanno commentato con entusiasmo l’esperienza vissuta: “In Francia c’è questa scuola di formazione – ha spiegato Enrica Miron (Miron), alla presentazione del progetto avvenuta al ristorante di Domenico Camerotto a Lovadina (Tv), presidente dell’Associazione Ristoratori della Marca Trevigiana – perché lì ci tengono molto al gruppo che trasmette col cliente. Il ricevere è una vera e propria arte. Non è solo il piatto in sé ad avere la sua importanza. Essi vogliono vendere la sensazione globale di spettacolarità, anche coll’arte del ricevere. E dunque è grande anche il ruolo del cameriere, il più vicino al cliente. A qualunque livello della ristorazione insomma si pone al primo posto l’arte di saper ascoltare il cliente e il modo per saperlo fare bene”.

    Il progetto il “Gusto delle Stelle” – il cui logo ripropone la rivisitazione della situla Benvenuti conservata al Museo paleoveneto d’Este (Pd) – non è quindi un semplice aggiornamento professionale ma un mix di formazione, sperimentazione e comunicazione continua capace di intervenire con efficacia. “Servono eventi nel corso di tutto l’anno – ha aggiunto il presidente di Unascom-Confcommercio, Renato Salvadori – e mezzi mediatici per promuoverli. Bisogna insomma instillare nel turista il desiderio di ritornare nel nostro territorio. Oggi l’enogastronomia è il richiamo più forte. Bisogna dunque internazionalizzare il prodotto tipico e renderlo più competitivo. Da qui il progetto che porterà per tre anni questi giovani in giro per l’Europa a contatto con i migliori chef. In questo arco di tempo, grazie anche al supporto della Provincia di Treviso, metteremo a disposizione un milione di euro”.

    Gli otto costituiranno – Filippo Albertini (Albertini), Mirco Migotto (Albertini), Emanuela Zanatta (Antica Osteria Zanatta), Ivano Camerotto (Da Domenico), Pierchristian Zanotto (Gambrinus), Enrica Miron (Miron), Alessandro Col (Miron), Paolo Fantin (Villa Castagna) - con il Consorzio di promozione turistica Marca Treviso e i quattro consorzi di tutela dei vini doc trevigiani un tavolo per l’avvio del tanto atteso ‘carrello dei vini trevigiani al bicchiere’, primo, nuovo e coordinato interfaccia del mondo della ristorazione con una clientela straniera sempre più attenta.

    Il progetto “Il gusto delle stelle”, ideato e coordinato da Mauro Zardetto (ArtMovie), è patrocinato dalla Camera di Commercio, da Unascom Confcommercio, dalla Provincia di Treviso e dal Gruppo Ristoratori della Marca Trevigiana.

    Per info Carry On 0438 24007.

    (16/12/2005 Tg0-positivo)