Condividi: Ok Notizie Technorati Virgilio Facebook
Mail Tg0+Scrivi alla redazione di Tg0-positivo

Macrolibrarsi.it presenta il libro: The China Study

Dice il saggio ...
La vita è un'avventura entusiasmante - o niente (H.Keller)

Altri link utili nelle seguenti categorie di Tg0-positivo:
Tu sei unico » Libri & co. » Sociale

La libreria di Tg0-positivo - Cerca tutti i libri che vuoi e altri prodotti originali a prezzi speciali su Macrolibrarsi
  • Warrior woman. Lozen, guerriera e sciamana apache Autore: Peter Aleshire

  • Il movimento divergente

    Il movimento divergente

    Un libro della Aranblu

    Proporre insieme ai ragazzi giochi sportivi nuovi e tradizionali, uniti da un obiettivo comune: risolvere problemi urgenti come il fenomeno della dispersione scolastica (l’evasione dall’obbligo, l’abbandono, lo scarso profitto, l’insuccesso scolastico) e ampliare le conoscenze e le abilità dei ragazzi, attraverso l’educazione fisica e altre attività educative. E’ quanto si propone il libro di Pasquale Iezza, “Il movimento divergente” (Aranblu, Roma), nato dal progetto realizzato da un gruppo di docenti ben determinati, cinque delle scuole dell’obbligo secondarie di I grado e nove delle scuole secondarie di II grado.

    “Nel mondo della scuola, – scrive l’Editore – scherzando ma non troppo, tra insegnanti, ricorre una battuta intorno agli allievi: noi lui prendiamo vivaci, attivi, liberi, curiosi e creativi e man mano che vanno avanti, classe dopo classe, ce li ritroviamo smorti, passivi, condizionati, disinteressati e annoiati. Al di là della battuta, il pensiero ‘convergente’ finisce sempre per prendere il sopravvento con il risultato di mortificare l’entusiasmo dei giovani verso la scoperta, l’intuizione e l’elaborazione. Nel migliore dei casi si hanno allievi buoni e ottimi ripetitori di schemi e di modelli precostituiti”. Lo stesso accade anche nelle attività ludiche e sportive che diventano così un eccellente campo di sperimentazione.

    Mosso da questa constatazione l’autore del libro compie infatti un percorso molto interessante per trasformare il pensiero ‘convergente’ in ‘divergente’, utilizzando le attività motorie per una libera espressione della personalità individuale che raggiunge l’apice con il ‘giocosport’. La pallarmonica, proposta dall’autore, diventa così il mezzo per dare respiro alle altre mille possibilità di giochi. Il testo costituisce una vera e propria sfida per tutti gli operatori che dovranno adottare un pensiero altrettanto ‘divergente’ e rivedere i propri schemi per imboccare lo stesso cammino.

    Per informazioni sul libro rivolgersi al Centro Sportivo Italiano di Treviso, chiamando lo 0422 548964.

    Paola Fantin

    (16/12/2005 Tg0-positivo)