Condividi: Ok Notizie Technorati Virgilio Facebook
Mail Tg0+Scrivi alla redazione di Tg0-positivo

Macrolibrarsi.it presenta la nuova collana Il Filo Verde di Arianna

Dice il saggio ...
Un corvo non caverà l'occhio di un altro corvo (Gregorio di Tours)

Altri link utili nelle seguenti categorie di Tg0-positivo:
Tu sei unico » Ricerca » Letteratura e filosofia

La libreria di Tg0-positivo - Cerca tutti i libri che vuoi e altri prodotti originali a prezzi speciali su Macrolibrarsi
  • I Segreti Rivelati nei Rotoli di Maria Maddalena

  • La porta nera

    La porta nera

    di Osho

    C'era una volta un re molto saggio. Il suo primo ministro si era macchiato di tradimento: aveva passato dei segreti alla nazione vicina, loro nemica, ed era stato preso con le mani nel sacco. La punizione poteva essere una sola: la pena di morte. Ma il vecchio re aveva sempre amato quell'uomo, e gli diede un'opportunità, pur condannandolo a morte.

    Il giorno dell'esecuzione radunò tutta la corte. Da un lato c'era un fucile carico, dall'altro una porta dipinta di nero. E il re disse: "Puoi scegliere: o muori - e devi morire - o scegli di superare questa porta nera. Dipende da te". Il primo ministro chiese: Cosa c'è dietro quella porta?" Il re rispose: "Questo non è dato saperlo. Nessuno lo sa, perché nessuno ha mai scelto di oltrepassarla. Ai tempi di mio padre e di mio nonno quest'opportunità è stata concessa molte volte, ma nessuno l'ha mai sfruttata, per questo nessuno lo sa. Né qualcuno può entrarvi; nemmeno io so cosa ci sia là dietro. Mio padre me ne ha lasciata la chiave. Tu però puoi decidere cosa c'è, perché hai la possibilità di scegliere. Decidi!"

    Il primo ministro ci pensò a lungo e alla fine scelse il fucile. Disse: "Uccidetemi con il fucile. Non voglio attraversare quella porta nera", Venne ucciso. La regina era molto curiosa e convinse il re a rivelarle cosa ci fosse dietro di essa. Il re rise e disse: "Io lo so: dietro non c'è niente. E' semplice libertà; non c'è nemmeno una stanza. Questa porta si apre sul mondo. Non c'è nulla ma nessuno l'ha mai scelta".

    La gente arriva a preferire la morte o l'infelicità piuttosto che l'ignoto. L'ignoto sembra essere più pericoloso della morte stessa. E la libertà è la soglia sull'ignoto. Libertà vuol dire muoversi nell'ignoto senza sapere dove si stia andando e cosa accadrà il momento successivo. E' una porta nera. (La via del cuore, Oscar Mondadori).

    (22/10/2005 Tg0-positivo)