Condividi: Ok Notizie Technorati Virgilio Facebook
Mail Tg0+Scrivi alla redazione di Tg0-positivo

Macrolibrarsi.it presenta la nuova collana Il Filo Verde di Arianna

Dice il saggio ...
Non affrettatevi troppo, non mirate a mete modeste. Chi si affretta non va lontano e chi mira mete modeste trascura le grandi (Confucio)

Altri link utili nelle seguenti categorie di Tg0-positivo:
Tu sei unico » Ricerca » Biblioteche

La libreria di Tg0-positivo - Cerca tutti i libri che vuoi e altri prodotti originali a prezzi speciali su Macrolibrarsi
  • Origami.Guida completa all'arte di piegare la carta Autore: Rick Beech

  • Mamma, è un libro vero

    Mamma, è un libro vero

    A Boves (Cuneo) una cittadella dedicata ai piccoli lettori

    Uno dei sogni impossibili di generazioni e generazioni di lettori diventa realtà: tuffarsi nelle pagine di un libro per riemergere dentro il suo mondo, divenuto improvvisamente "vero", a tre dimensioni. Un mondo attraversabile, invece che semplicemente immaginato ed evocato dalle parole, distese su una piatta pagina.

    Questo passaggio incantato sarà visibile a Boves (Cuneo), ai bambini che si avventureranno all'interno della Cittadella della letteratura per ragazzi, luogo di meraviglie sconosciute finora, al momento in via di alacre allestimento. Da un Giardino segreto si passerà all’Isola della crescita o al Bosco dell'avventura, con i suoi pericoli e i suoi mostri. Attraverso la sentina di una nave naufragata si giungerà all'Isola del Tesoro e al Sottomarino di Capitano Nemo, per proseguire attraverso i marchinge-gni misteriosi della Macchina del Tempo, in grado di trasportare in modo virtuale, al di là delle categorie dello spazio e del tempo, fino agli Scaffali dei sogni...

    «Voci, luci e immagini faranno vivere personaggi e atmosfere delle favole e delle storie più note. In questo modo i bambini riceveranno una serie di stimoli che li rimanderanno alla lettura. Nello stesso tempo verranno proposte attività ludiche e tracciate piste di attività da svolgere, per esempio, in classe con i propri insegnanti», spiega Nico Vassallo, progettista culturale, che coordina il progetto inserito nel programma "Inter-reg", finanziato dal Fondo di sviluppo europeo. «Il fine dell'iniziativa è promuovere la lettura di bambini e ragazzi, uno scopo che ha unito il Comune di Boves e quello di Saint-Jean Gap Ferrai, in Francia, uniti nel valorizzare l'identità transfrontaliera e favorire la conoscenza reciproca del patrimonio culturale, soprattutto da parte dei giovani».

    Scambi culturali Italia-Francia

    Per questo motivo sono previsti scambi culturali e visite di scolaresche tra i due centri, improntati nel caso dei francesi alla conoscenza del nostro territorio e della letteratura per ragazzi dedicata alla montagna; e, nel caso degli italiani, all'incontro con le bellezze di Nizza e delle storie sul mare.

    Questo scambio, tuttavia, rappresenta solo una delle direttrici su cui si muove il progetto della cittadina piemontese medaglia d'oro della Resistenza, in cui sono coinvolti anche la Provincia di Cuneo, la Regione Piemonte e il Miur, il ministero dell'Istruzione, Università e ricerca, e alcune fondazioni bancarie. La prima attività a essere lanciata, in attesa che l'intera struttura-parco sia aperta con l'inizio del prossimo anno scolastico, è quella che prevede la formazione di operatori culturali sia italiani sia francesi, per diffusione delle “buone pratiche” che invogliano alla lettura.

    «I nostri corsi», racconta Nico Vassallo, «saranno tenuti da formatori esperti di diverse discipline e differenti attività, in modo da preparare di volta in volta gli operatori del settore educativo e culturale, gli insegnanti o gli studenti stessi con approcci pedagogici all'avanguardia e capaci di flessibilità».

    Un importante filo conduttore della Cittadella, costruita nella Filanda "ex Favole", affascinante struttura protoindustriale, è l'ampio uso della tecnologia più moderna, a cominciare dagli allestimenti e dagli effetti speciali, che permetteranno di effettuare nella Cittadella continui passaggi dalla virtualità della lettura a un'esperienza reale e tattile, per arrivare a una sorta di biblioteca informatica: «Vogliamo fornire tutta una serie di strumenti utili ad aiutare i ragazzi a leggere e i loro insegnanti ad accompagnarli in questa affascinante scoperta».

    Alla ricerca dì volumi rari...

    «Per questo, stiamo lavorando a un archivio di recensioni di esperti, ma anche degli stessi bambini, e alla costruzione di percorsi di lettura su vari temi e programmi didattici completi, che possono coprire l'intero percorso di un anno scolastico. Inoltre, il supporto elettronico ci permetterà di effettuare una sorta di salvataggio di pezzi rari, libri che non sono stati più ristampati e rischiano di andare perduti, ma che sono preziosi per salvaguardare la memoria e anche per conoscere reciprocamente la cultura di un altro Paese».

    La biblioteca diventa così un luogo dedicato alla conservazione della memoria e quindi un punto di incontro tra il patrimonio delle generazioni precedenti e le novità di oggi: «Non è un museo immobile dove le cose sono sempre tutte uguali, ma gli scaffali sono vivi e i libri animati. Con essi si può capire che cosa succede quando si inizia a scrivere un'opera oppure come si può accedere a un meraviglioso deposito di luoghi fantastici, che prende spunto dalle opere letterarie dedicate ai ragazzi».

    Tutto questo patrimonio, tra l'altro, sarà disponibile sul sito www.cittadella-letteratura-ragazzi.org, che unisce notizie sul mondo dell'editoria per ragazzi alle proposte di scuole e mostre. Un'esplorazione che, con le future acquisizioni, potrebbe diventare altrettanto interessante del percorso tra giganti e indovine, abissi senza fondo, lanterne magiche e indizi cerca-favole e sta nascendo giorno dopo giorno nella cittadina un tempo lacerata dalla violenza delle SS e oggi meritoriamente nota per la “Scuola della pace”.

    Renata Maderna

    (da Famiglia Cristiana, 39/2004)

    (20/10/2005 Tg0-positivo)