Condividi: Ok Notizie Technorati Virgilio Facebook
Mail Tg0+Scrivi alla redazione di Tg0-positivo

Macrolibrarsi.it presenta il LIBRO: Scopri il Segreto della Guarigione di Joachim Faulstich

Dice il saggio ...
Gli uomini mentono quando assicurano di aver orrore del sangue (J.Bunin)

Altri link utili nelle seguenti categorie di Tg0-positivo:
Tu sei unico » Riflessioni » Ecologia

La libreria di Tg0-positivo - Cerca tutti i libri che vuoi e altri prodotti originali a prezzi speciali su Macrolibrarsi
  • Il coraggio di esser unici e creativi Autore: Osho.

  • Greenpeace pubblica il rapporto segreto sul Mais Ogm Mon863

    Greenpeace pubblica il rapporto segreto sul Mais Ogm Mon863

    Roma, 22 giugno 2005 – Greenpeace pubblica oggi il rapporto confidenziale della Monsanto sugli effetti negativi del mais Ogm MON863 sulla salute dei topi.

    L’alta corte amministrativa di Munster ha reso noti i documenti lunedì, dopo che Greenpeace aveva chiesto di avervi accesso in base alla normativa europea sull’informazione ambientale. Il giudizio rappresenta un precedente per le aziende che cercano di tenere nascoste le analisi di rischio sulle piante Ogm. Il Consiglio dei Ministri dell’Ambiente della Ue deciderà venerdì se autorizzare l’importazione di questo mais Ogm, ma Greenpeace e gli scienziati chiedono un bando all’importazione del MON863 ed il governo italiano dovrebbe votare contro l’autorizzazione.

    “Il mais Ogm non dovrebbe essere ammesso come cibo o come mangime nei paesi europei. Gli standard di sicurezza nelle procedure europee di autorizzazione degli Ogm sono in generale inadeguati” afferma il professor Gilles Eric Serafini della Commissione di Stato francese sulla genetica biomolecolare, che è responsabile delle valutazioni dei rischi delle piante Ogm.

    Anche il professor Arpad Pusztai, che ha già fatto una valutazione dei rischi del MON863 per il governo tedesco, afferma che questo mais non dovrebbe essere autorizzato: “Non si può pensare che i danni agli organi interni e al sangue dei ratti siano un caso. Gli esperimenti compiuti sono inadeguati e la valutazione dei dati non corretta, sono assolutamente necessarie altre indagini”.

    Il MON863 produce la cosiddetta tossina Bt per proteggere la pianta contro un parassita (Diabrotica). Questa tossina è diversa da quella contenuta in altre piante Ogm già autorizzate in Europa, e il MON863 contiene anche un controverso gene di resistenza agli antibiotici, che secondo la direttiva europea 2001/18/EC dovrebbe essere evitato. Non si può escludere che questa sequenza genica si trasferirà favorendo lo sviluppo di parassiti più resistenti. Il Consiglio Ambiente della Ue deciderà anche per i bandi nazionali sull’importazione e la coltivazione degli Ogm.

    La Commissione ha chiesto di abolirli, ma i cinque Paesi europei che già li hanno in vigore, si appellano ad una clausola di salvaguardia prevista dalla normativa europea.

    Solo Gran Bretagna e Olanda sostengono al momento la posizione della Commissione Europea.

    “La proposta della Commissione di abolire le clausole di salvaguardia nazionali deve essere respinta così come l’autorizzazione al mais transgenico Mon863. L’UE deve dimostrare che crede nell’importanza di proteggere consumatori e ambiente” afferma Federica Ferrario, responsabile campagna Ogm di Greenpeace.

    Per informazioni:

    Ufficio stampa, tel. 06/68136061

    (03/07/2005 Tg0-positivo)