Condividi: Ok Notizie Technorati Virgilio Facebook
Mail Tg0+Scrivi alla redazione di Tg0-positivo

Macrolibrarsi.it presenta il libro: The China Study

Dice il saggio ...
Nessuno può immaginare cosa per chi governa sia più decoroso della clemenza (Seneca)

Altri link utili nelle seguenti categorie di Tg0-positivo:
Tu sei unico » Libri & co. » Itinerari turistici

La libreria di Tg0-positivo - Cerca tutti i libri che vuoi e altri prodotti originali a prezzi speciali su Macrolibrarsi
  • Le cinque scimmie

  • Il giardino di Venezia

    Il giardino di Venezia

    Viaggio nel Trevigiano tra delizie e seduzioni

    “Tutti i possessi verranno migliorati, molte famiglie vi si condurranno”. Con queste parole, il doge veneziano Alvise Cornaro avviò nel 1436 la bonifica della Marca Trevigiana, mentre la sconfitta ad Agnadello (1509) delle truppe della Lega di Cambrai – nella quale erano schierati i vessilli di Venezia - diede il colpo di grazia al progetto espansionistico della Serenissima Repubblica. Da quel momento in poi i Veneziani si spinsero sempre più nell’entroterra, costruirono ville e vi trascorsero lunghi periodi di villeggiatura, chiusi nella loro isolata pace e nella loro decadenza, come ci attesta anche il commediografo Carlo Goldoni. Piccole corti sparse in terraferma, ricche di affreschi, arredi e cose di buon gusto di cui, ancor oggi, rimane vistosa traccia.

    Alla storia di ieri e a quella di oggi parla dunque il nuovo libro edito dalla Veneto Comunicazione “Il giardino di Venezia” che, dopo aver pubblicato lo scorso dicembre il volume “Treviso, il fascino della seduzione”, ne fa ora seguire la logica continuazione percorrendo un viaggio alla ricerca di delizie, seduzioni e luoghi fascinosi nel resto del Trevigiano. Ma con una novità: il libro infatti presenta questa volta anche un’interessante “Guida ai piaceri” redatta dalla giornalista Cristiana Sparvoli che si propone in questo modo di segnalare tutte le “eccellenze rimaste nella Marca, nonostante il paesaggio devastato degli ultimi anni. La guida – ha commentato la Sparvoli durante la presentazione – si rivolge agli eno-turisti, attratti dall’arte, dal paesaggio, dallo shopping, dai laboratori artistici. Spesso si tratta di persone di una certa età che, con i figli grandi, possono ora regalarsi fine settimana tranquilli”.

    Il progetto editoriale della Veneto Comunicazione risponde a una precisa esigenza del territorio: “Mancava un prodotto intermedio – ha affermato Antonio Barzaghi – con una dignità pregevole da libro e con itinerari sfiziosi e curiosi. Inoltre abbiamo voluto scommettere sulle novità e non sulle cose scontate e risapute”. Ecco dunque uno splendido scorcio di Serravalle a Vittorio Veneto in una giornata d’inverno sotto la neve che, pur rara nel Trevigiano, era caduta copiosa qualche mese fa; un tramonto tutto particolare e ricco di tonalità che ricorda la città di Granada a Cison di Valmarino; il fascino di Portobuffolè; Villa Lattes in un notturno; uno splendido albero di magnolia in fiore davanti a Villa Barbaro di Maser; il complesso monumentale Brion di Carlo Scarpa ad Altivole; i ciliegi in fiore ad Asolo; il Tempio di Canova a Possagno mentre spunta tra i pini e una veduta dal basso del colonnato del Tempio che ricorda il Partenone di Atene; il tramonto sui tetti di Piazzale Burchiellati a Treviso che chiude la carrellata di immagini, fissate nello spazio e nel tempo da Clive Handerson. Emozioni che sfuggono nei giochi incantati di luci e colori e che diventano una vera sfida, alla quale neppure questa volta Handerson riesce a sottrarsi: esasperando e costringendo la luce, attraverso filtri e aggiuntivi, immagini mosse, distorsioni ottiche, messa a fuoco diversa su piani diversi ed effetti visivi specifici, portando l’arte fotografica a imitare l’effetto della natura sull’occhio umano, lascia libero sfogo alla fantasia nel realizzare creative immagini pittoriche che fissano nello spazio e nel tempo istantanee altrimenti non visibili dall’occhio umano. Non vi sono persone nelle foto, ma anche questa volta è inconfondibile la ‘firma’ di Antonio Barzaghi che appare di spalle, avvolto in un mantello nero in mezzo alla neve di Serravalle.

    L’opera è patrocinata da 25 comuni della Marca Trevigiana, da Regione Veneto e Anci, con il sostegno dei maggiori enti economici trevigiani.

    L’ideazione, il progetto grafico e il volume sono a cura di Antonio Barzaghi e Maria Rosaria Nevola (Veneto Comunicazione). Coautrice con la “Guida ai piaceri” Cristiana Sparvoli. Fotografie a cura di Clive Handerson.

    Il libro si trova in tutte le librerie al prezzo di 30 €.

    (15/06/2005 Tg0-positivo)