Condividi: Ok Notizie Technorati Virgilio Facebook
Mail Tg0+Scrivi alla redazione di Tg0-positivo


Dice il saggio ...
"Ogni individuo ha delle proprie convinzioni, delle regole alle quali non ama trasgredire. E spesso sono queste convinzioni, questi pregiudizi, queste regole ereditate di padre in figlio a procurargli sofferenza. Una regola, un comandamento può andar bene per un periodo di tempo (Cerchio '77)

Altri link utili nelle seguenti categorie di Tg0-positivo:
Tu sei unico » Riflessioni » Ecologia

La libreria di Tg0-positivo - Cerca tutti i libri che vuoi e altri prodotti originali a prezzi speciali su Macrolibrarsi
  • Il manuale del primo soccorso del cane e del gatto Autore: Marco Benedet

  • Insieme si può

    Insieme si può

    Un'iniziativa ecologica a Paese (Tv)

    "Nessuno ci avrebbe creduto, viste le previsioni metereologiche, che una bellissima mattinata di sole avesse accompagnato l’iniziativa “Ripuliamo un angolo di Paese” tenutasi domenica 17 aprile, ma che era in programma per la domenica precedente, sospesa poi causa il maltempo.

    Circa un centinaio i cittadini che hanno accolto l’invito dell’Associazione “3 R per l’Ambiente”, che sotto il controllo della Polizia Municipale e della Protezione Civile hanno potuto svolgere il loro lavoro con estrema serenità e sicurezza.

    Particolarmente significativa la presenza degli scout di Paese e Castagnole, ma anche di molte associazioni locali e persone sensibili ad un ambiente pulito o, per meglio dire in questo caso, ripulito….dalla maleducazione di qualcuno.

    Cinque i percorsi “ripuliti”: un tratto della Castellana, Via Gasparini-Ortigara, Via Troian-Cal dei Mulini, Via della Libertà-La Motta e Via delle Levade-Oston, con un “bottino” complessivo quantificabile in metricubi 9,5.

    Da una veloce analisi si può constatare che lungo le strade principali la tipologia del rifiuto gettato è sempre la stessa: mozziconi di sigarette, lattine, bottiglie di plastica e vetro, pannolini, preservativi, scatolette di cartone di ogni genere e tipo, ma anche, in qua e in la, sacchetti chiusi contenenti immondizie varie.

    Nelle strade di campagna è più facile trovare invece rifiuti ingombranti. Da segnalare: uno scooter ancora in buono stato, del nylon per teloni camion, rifiuti di casalinghi, bidoni in plastica e ferro, addirittura cartelli di segnaletica, per finire con lastre di amianto che non sono state rimosse, ma che verranno segnalate agli uffici competenti.

    Se si fa un paragone con gli anni precedenti, il quantitativo di rifiuti raccolti non varia di molto, ma si è spostato. Infatti, nelle zone da noi visitate, si nota un miglioramento lungo le strade di campagna, dove negli anni precedenti si trovavano divani, poltrone, computer, wc….; lungo le strade comunali si può apprezzare la cura dei residenti di tenere pulita la parte situata davanti alla loro abitazione; mentre resta sempre molto triste la situazione lungo le strade principali dove manca totalmente il rispetto di tutto e di tutti e con grande leggerezza si preferisce buttare dal finestrino…

    A sottolineare il significato dell’iniziativa erano presenti anche alcune autorità: il Vice Presidente della Provincia di Treviso, Leonardo Muraro, l’Assessore Provinciale Stefano Busolin, il Presidente del Consorzio Priula, Franco Zanata e in rappresentanza del Comune di Paese, l’Assessore all’Ambiente Giuseppe Biscaro, assieme ai Consiglieri Stefania Visentin e Corrado Vendramin.

    Nel suo intervento il Vice Presidente e Assessore all’Ambiente della Provincia Muraro, ha ribadito che l’impegno dell’Amministrazione Provinciale con i Trevigiani è quello di non aprire nuove discariche o nuove cave.

    Ha inoltre confermato di apprezzare tutte le iniziative che hanno lo scopo di valorizzare il territorio come quella fatta a Paese, ma soprattutto quelle innovative per le Amministrazioni Comunali, quale la certificazione ambientale, attualmente attuata da due gruppi di Comuni riuniti tra loro per aree, un gruppo è del Quartier del Piave e l’altro dell’Opitergino.

    Muraro auspica che si arrivi in tutta la provincia a dei progetti di area condivisi affinché si possa parlare di certificazione ambientale su tutto il territorio, metodo che poi diventa norma di autoregolamentazione a tutela e salvaguardia dell’ambiente".

    IL PRESIDENTE Associazione 3R

    Michele Dalle Mule

    (15/05/2005 Tg0-positivo)