Condividi: Ok Notizie Technorati Virgilio Facebook
Mail Tg0+Scrivi alla redazione di Tg0-positivo

Macrolibrarsi.it presenta il Cofanetto: Reality Transurfing - La Trilogia di Vadim Zeland

Dice il saggio ...
È utile impregnare lo spazio di gioia e molto pericoloso cospargere i cieli di dolore. La gioia è la salute dello spirito (Agni Yoga Society)

Altri link utili nelle seguenti categorie di Tg0-positivo:
Tu sei unico » Riflessioni » Informazione alternativa

La libreria di Tg0-positivo - Cerca tutti i libri che vuoi e altri prodotti originali a prezzi speciali su Macrolibrarsi
  • Come siamo Autore: Krishnamurti

  • I Cristalli, amici dell'uomo

    I Cristalli, amici dell'uomo

    Secondo alcuni studiosi, l’essere umano avrebbe cominciato a interessarsi alle pietre a scopo terapeutico già 100 mila anni fa come dimostrano tracce rinvenute nell’America settentrionale mentre 3 mila anni fa tra i Sumeri, in Medio Oriente, sarebbero state trascritte ricette a base di cristalli e pietre. Omero ci descrive ampiamente le proprietà dell’Ambra nell’Odissea di Omero mentre sappiamo che i Faraoni utilizzavano per copricapo lapislazzuli incastonati con malachite per tenere rapida e sgombra la mente.

    Ma in quale modo oggi la cristalloterapia può arrecare benefici all’uomo e all’ambiente in cui esso vive? La caratteristica principale del cristallo è l’ essere una forma in equilibrio materiale, strutturale ed energetico in grado per questo di riequilibrare qualsiasi energia passi attraverso. La scoperta dei quark, neutrini e mesoni del resto tende a confermare quanto si ripete da migliaia di anni: la materia è una forma diversa dell'Energia (E=mc2). Secondo la cristalloterapia è dunque possibile trovare un nesso tra la pietra, la sua proprietà e l’uomo al punto da influenzare positivamente il campo magnetico di quest’ultimo.

    Se avvicinati a precise zone del corpo i quarzi trasparenti possono servire a sbloccare le energie in eccesso, l’ametista può fungere da calmante, il quarzo rosa a ridare fiducia all’individuo che l’ha persa, l’ambra (che è però una resina) a scaricare il dolore, assorbire la negatività e aiutare chi soffre d’asma, la corniola a purificare il sangue, l’ossidiana a padroneggiare le emozioni, la malachite ad allentare le tensioni del diaframma per un benessere generale. E l’elenco potrebbe continuare a lungo.

    Ma come scegliere i cristalli? Il modo più semplice è basarsi sull’intuizione e sull’attrazione che essi suscitano in noi. Per procurarseli poi basta cercarli personalmente nelle cave o nelle miniere armati di martello e scalpello per separarli dalla roccia madre oppure rivolgersi a negozi attrezzati. Prima di usare i cristalli a scopo terapeutico è necessario pulirli, strofinandoli per "caricarli".

    (15/12/2004 Tg0-positivo)