Condividi: Ok Notizie Technorati Virgilio Facebook
Mail Tg0+Scrivi alla redazione di Tg0-positivo

Macrolibrarsi.it presenta il cofanetto: Geni fuori Controllo - Mt0

Dice il saggio ...
"La Fortuna am le persone non troppo sensate (Erasmo da Rotterdam (Elogio della follia)

Altri link utili nelle seguenti categorie di Tg0-positivo:
Tu sei unico » Riflessioni » Ecosolidale

La libreria di Tg0-positivo - Cerca tutti i libri che vuoi e altri prodotti originali a prezzi speciali su Macrolibrarsi
  • L'enneagramma, antico strumento di conoscenza

  • VIENI A SORRIDERE DA MCDONALD'S SE I POVERI TI STANNO SULLO

    VIENI A SORRIDERE DA MCDONALD'S SE I POVERI TI STANNO SULLO STOMACO

    (La Padania, 11 marzo 2000)

    Vieni a sorridere da noi. Questo è il martellante slogane con cui McDonald's invoglia i clienti a far visita ai propri fast food. Ma attenzione: il sorriso sarà garantito soltanto se vi atterrete strettamente alle ferree regole del gestore che contemplano anche e soprattutto il divieto alla solidarietà.

    Giunge dalla Francia, esattamente da Parigi, l'ultimo esempio di umanità e coerenza della multinazionale a stelle e strisce, la stessa che inonda video e carta stampata di messaggi buonisti e stralette ammiccanti. Un impiegato della nota catena di fast food è stato infatti licenziato in tronco per aver regalato cinque cheeseburger, l'equivalente del suo buono pasto giornaliero, a una mendicante che aveva fame. Remy Millet ha 23 anni e il suo tremendo crimine è scritto nero su bianco nella lettera di licenziamento: "Non rispetto del contratto di lavoro e del regolamento interno concernente la politica dei pasti". Da McDonald's infatti non si scherza: se gli impiegati devono comunque sorridere ai clienti come automi (non si può disattendere lo slogan coniato da qualche genio creativo), non hanno al contrario il diritto di mostrare un minimo di umanità. Quando ha visto entrare la donna, Remy l'ha pregata di andarsene poiché nei locali pubblici i mendicanti non hanno accesso. Ma lei ha insistito, non voleva soldi, aveva solo fame. "Dammi un panino" ha implorato. Remy, che a quanto pare sa cosa vuole dire mettere insieme il pranzo con la cena, ha avuto allora l'idea di cederle il suo buono pasto. "Il mio superiore era d'accordo - ha raccontato il ragazzo - ho persino pensato che un gesto simile avrebbe contribuito alla buona immagine del locale... Invece ha mandato una lettera al direttore generale. Risultato: buttato in strada da un momento all'altro". 

    Complimenti. Speriamo che la storia di Remy faccia in fretta il giro del mondo, quale reale testimonianza dello spirito che anima la globalizzazione voluta dalla major. "Vieni a sorridere da noi" a patto che tu abbia le tasche piene e sia immune da slanci di altruismo.

    Pensateci prima di entrare un'altra volta da McDonald's.

    (07/07/2000 Tg0-positivo)