Condividi: Ok Notizie Technorati Virgilio Facebook
Mail Tg0+Scrivi alla redazione di Tg0-positivo

Macrolibrarsi.it presenta Arcoiris: Sementi biologiche e biodinamiche

Dice il saggio ...
E coelo descendit gnothi seauṭn. Dal cielo discese il 'conosci te stesso'. (Giovenale)

Altri link utili nelle seguenti categorie di Tg0-positivo:
Tu sei unico » Riflessioni » Ecosolidale

La libreria di Tg0-positivo - Cerca tutti i libri che vuoi e altri prodotti originali a prezzi speciali su Macrolibrarsi
  • 7 cose che il tuo medico ha dimenticato di dirti Autore: Sipser-Lew

  • RAPPORTO DELLA FAO SULLA FAME NEL MONDO 

    RAPPORTO DELLA FAO SULLA FAME NEL MONDO 

    (sintesi del Beatigroups)

    Il continente degli affamati 790 milioni di persone, nei paesi in via di sviluppo, e 34 milioni, nei paesi sviluppati, non hanno abbastanza cibo. E' una cifra superiore alla popolazione di Europa e Nord America messe insieme, un vero e proprio continente sottonutrito. Questa e' l'immagine proposta dal primo Rapporto della FAO dedicato all'insufficienza di cibo nel mondo (The State of the food insecurity in the world 1999) che elabora i dati degli anni che vanno dal 1995 al 1997. Il Rapporto prende le mosse dall'impegno dei 186 leader del mondo che a Roma, nel 1996 promisero di impegnarsi per dimezzare il numero di affamati entro il 2005. Negli ultimi anni il numero di persone che soffrono la fame e' diminuito ma con questo ritmo nel 2015 saranno ancora 638 milioni le persone sotto la sufficienza alimentare, occorre percio' intensificare gli sforzi, anche perche' la riduzione avvenuta in questi ultimi anni presenta luci e ombre. Nella prima meta' degli anni '90, 37 paesi hanno visto ridurre il numero di affamati per un totale di 100 milioni, ma i restanti paesi del terzo mondo l'hanno vista aumentare di 60 milioni portando cosi' il saldo positivo a soli 40 milioni di persone. La maggior parte delle persone (70%) vive in Asia e nei paesi affacciati sul Pacifico, la sola India ha 204 milioni di persone malnutrite, piu' di tuti i paesi dell'Africa subsahariana, la Cina ne conta 164 milioni. L'Africa sub-sahariana rimane comunque l'area con la piu' alta percentuale di persone che soffrono la fame: la meta' dei 340 milioni di abitanti dei 26 paesi; una percentuale cosi' alta e' presente in soli altri sei paesi del mondo: Afghanistan, Bangladesh, Haiti, Korea, Mongolia e Vietnam. I numeri del rapporto ci dicono anche che la meta' dei bambini dell'Asia meridionale sono sottopeso, il 33% in Africa e il 21 nel sudest asiatico. Alluvioni, siccita', guerre (col loro contorno di terre incoltivabili e flussi di profughi) e crisi finanziarie (in Indonesia la crisi economica ha raddoppiato il numero delle persone malnutrite) sono le cause indicate. Nelle conclusioni del rapporto si fa notare che questi popoli sono ai margini del mercato mondiale, con poche o nessuna influenza su flussi e regole dell'economia; sono solo gli "obiettivi" dei programmi di alleviazione della poverta'. Ma in un mondo dove 4,4 miliardi di persone vivono nei paesi del terzo mondo e un terzo di essi vive (sopravvive!!!) sotto la soglia di 1 dollaro al giorno, l'imperativo, vera sfida per il pianeta, e' quello di permettere a tutti i bambini di andare a scuola, e che acqua potabile e cibo siano disponibili per tutti.

    (07/07/2000 Tg0-positivo)