Condividi: Ok Notizie Technorati Virgilio Facebook
Mail Tg0+Scrivi alla redazione di Tg0-positivo

Macrolibrarsi.it presenta il LIBRO: Scopri il Segreto della Guarigione di Joachim Faulstich

Dice il saggio ...
Volere è potere (Anonimo)

Altri link utili nelle seguenti categorie di Tg0-positivo:
Tu sei unico » Riflessioni » Ecologia

La libreria di Tg0-positivo - Cerca tutti i libri che vuoi e altri prodotti originali a prezzi speciali su Macrolibrarsi
  • Gesù

  • La Esso scrive la politica sul clima di Bush

    La Esso scrive la politica sul clima di Bush

    Roma, 14 febbraio 2002 - La politica sul clima degli Stati Uniti,  annunciata oggi da Bush, che aumenterà le emissioni di gas serra del 36% rispetto agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto, è stata scritta in  realtà dalla Esso/Mobil.

    “Si continua a parlare della Enron, ma è ora di spostare l’attenzione sulla Esso, che ha speso molte più energie nell’azione di lobby sul Campidoglio ed ora con questa politica sul clima, ottiene quello per cui ha pagato” afferma Domitilla Senni, direttore generale di Greenpeace. Con questo piano, le emissioni di anidride carbonica aumenteranno ancora più velocemente rispetto agli ultimi 5 anni e non si andrà affatto verso la stabilizzazione a lungo termine delle emissioni come promesso.Questo piano energetico è una mera trasposizione della “lista dei desideri” di Esso, per consentirgli di proseguire gli affari come se Kyoto non esistesse. La politica di Bush lega le emissioni alla crescita economica, una mossa per cui solo una prolungata recessione economica potrà garantire una riduzione delle emissioni di CO2, mentre al momento le stime ufficiali parlano di una crescita del Pil di circa il 3% nel prossimo decennio. L’amministrazione statunitense inoltre non ha voluto definire degli obiettivi di riduzione vincolanti per il comparto industriale, ma “incentivi”, “impegni volontari”, “incoraggiamenti”. Eppure, gli Stati Uniti sono i principali responsabili dell’effetto serra, emettendo un quarto dei gas serra prodotti nel mondo. Con questo piano energetico, Bush si allontana dalla politica decisa dagli altri Paesi del mondo, che prevede impegni vincolanti per la riduzione dei  gas serra. Anche l’Italia dovrebbe, nelle prossime settimane, annunciare gli impegni presi per rispettare il Protocollo di Kyoto.

    Per informazioni:

    Gabriele Salari, Ufficio stampa Greenpeace, tel. 06/57299903 - tel. 348/3988615

    (17/02/2002 Tg0-positivo)