Condividi: Ok Notizie Technorati Virgilio Facebook
Mail Tg0+Scrivi alla redazione di Tg0-positivo

Macrolibrarsi.it presenta il libro: The China Study

Dice il saggio ...
Nel linguaggio della politica italiana nulla si dice che non significhi un'altra cosa (I.Montanelli)

Altri link utili nelle seguenti categorie di Tg0-positivo:
Tu sei unico » Ricerca » Salute

La libreria di Tg0-positivo - Cerca tutti i libri che vuoi e altri prodotti originali a prezzi speciali su Macrolibrarsi
  • Mente in forma a ogni età Autore: Daniel Amen

  • EUROPA GENETICAMENTE MODIFICATA

    EUROPA GENETICAMENTE MODIFICATA

    (Il Manifesto, 13 aprile 2000)

    Il mancato voto di ieri da parte del Parlamento europeo a due emendamenti alla direttiva sulla sicurezza degli organismi geneticamente modificati rappresenta un'altra vittoria per le  multinazionali del transgenico. Gli emendamenti, sostenuti dalle associazioni ambientaliste  e dei consumatori, riguardavano il principio del "chi inquina paga" (vale a dire la responsabilità civile e finanziaria dei produttori in caso di contaminazione di altre produzioni) e l'interdizione degli Ogm con geni resistenti agli antibiotici.  Ma le lobbies delle multinazionali all'interno dell'Europarlamento sono riuscite a bloccare i  due provvedimenti che, pur votati a maggioranza (287 sì, 202 no), non sono riusciti a  ottenere il quorum di 314 voti. Ma vediamo chi sta dalla parte del transgenico: buona  parte dei  liberaldemocratici, ma anche la stragrande maggioranza del Partito popolare europeo (Ppe), fatta eccezione per pochi "franchi tiratori" (tra cui gli italiani Franco Marini e Luigi Cocilovo, del Ppi). Contro hanno votato socialisti, Verdi, comunisti, An, Lega e una parte dei liberaldemocratici. Il capogruppo dei Verdi Paul Lannoye definisce il voto "un disastro", accusando (come fa anche la capogruppo dei Ds Pasqualina Napoletano) il Ppe della bocciatura. Il Prc chiede l'impegno del governo italiano a non recepire la direttiva. Mentre, sul fronte delle Ogm, l'Associazione consumatori e utenti denuncia la "presa in giro dei consumatori". Di una "brutta giornata per la politica comunitaria" parla Legambiente, mentre Paolo Cento (Verdi) annuncia la richiesta di una "moratoria delle sperimentazioni". Di "svolta positiva" parla, invece, il presidente di Assobiotec (l'associazione per lo sviluppo delle biotecnologie), Sergio Dompè.

    (segnalazione di Valeria, beati groups)

    (07/07/2000 Tg0-positivo)