Condividi: Ok Notizie Technorati Virgilio Facebook
Mail Tg0+Scrivi alla redazione di Tg0-positivo

Macrolibrarsi.it presenta Argital: Cosmetici naturali senza conservanti

Dice il saggio ...
Dicono che gli amici si vedono nelle difficoltà quando hai bisogno e l'amicizia si giudica col metro della borsa... Io dico invece che gli amici li vedi nella fortuna, quando le cose ti vanno bene e l'amico rimane indietro e tu vai avanti e ogni passo che fai è per l'amico come un rimprovero o addirittura un insulto. Allora lo vedi, l'amico. Se ti è veramente amico, lui si rallegra della tua fortuna, senza riserve... Ma se non ti è veramente amico, il tarlo dell'invidia gli entra nel cuore e glielo rode (Alberto Moravia (Nuovi racconti romani))

Altri link utili nelle seguenti categorie di Tg0-positivo:
Tu sei unico » Riflessioni » Sociale

La libreria di Tg0-positivo - Cerca tutti i libri che vuoi e altri prodotti originali a prezzi speciali su Macrolibrarsi
  • Come realizzare i propri sogni Autore: Aldo Mauro Bottura

  • Giovane calciatore rinuncia ad un gol per aiutare un avvers

    Giovane calciatore rinuncia ad un gol per aiutare un avversario

    MONTEBELLUNA Ha volontariamente rinunciato a mettere la palla in rete perché si è accordo che un avversario era a terra, in preda ai crampi. Il gesto di Andrea baggio, calciatore di 17 anni di Nove di Bassano, che gioca con il Montebelluna, non è passato certo inosservato. E tra chi si è complimentato con lui c’è anche il governatore del Veneto, Luca Zaia: “Con il suo esempio – ha detto Zaia - ha insegnato il valore dello sport a molti che ancora lo recepiscono come una competizione a tutti i costi”.

    Il 17enne, durante l’ultima partita contro il Fontanafredda, si è fermato per soccorrere un avversario, mettendo davanti la lealtà al merito sportivo. “Chi antepone il rispetto per un compagno di gioco ad un successo personale e di squadra – sottolinea Zaia – è da assumere come esempio, non solo da parte di altri sportivi, bensì anche da quei genitori che troppo spesso dagli spalti incitano i loro ragazzi a giocare pesante – continua il presidente della Regione -. Andrea incarna il primo valore sportivo, la lealtà, e questa (ne stia certo) porta sempre lontano, non solo nelle competizioni ma anche nella vita, nel lavoro, nella famiglia, nei rapporti interpersonali”.

    Fonte: Treviso Today

    (12/11/2015 Tg0-positivo)