Condividi: Ok Notizie Technorati Virgilio Facebook
Mail Tg0+Scrivi alla redazione di Tg0-positivo

Macrolibrarsi.it presenta il cofanetto: No Impact Man - Mt0

Dice il saggio ...
"La Fortuna am le persone non troppo sensate (Erasmo da Rotterdam (Elogio della follia)

Altri link utili nelle seguenti categorie di Tg0-positivo:
Tu sei unico » Riflessioni » Sociale

La libreria di Tg0-positivo - Cerca tutti i libri che vuoi e altri prodotti originali a prezzi speciali su Macrolibrarsi
  • Zen Autore: AAVV

  • L'aquila che si crede pollo

    L'aquila che si crede pollo

    Anthony De Mello

    Un ragazzo, figlio di un contadino, durante una passeggiata in mon­tagna, trovò tra le rocce un uovo di aquila. Tornato alla fattoria, lo mise nel nido di una chioccia. L'uovo si schiuse contemporaneamen­te a quelli della covata e l'aquilotto crebbe insieme agli altri pulcini. Per tutta la vita l'aquila si comportò esattamente come facevano i pol­li nel cortile, pensando di essere uno di loro. Frugava nel terreno al­la ricerca di vermi e insetti, chiocciava e schiamazzava, scuoteva le ali alzandosi da terra solo di qualche centimetro. Trascorsero gli an­ni e l'aquila divenne molto vecchia. Un giorno vide sopra si sé, nel ciclo terso, uno splendido uccello che planava, maestoso ed elegan­te, sorretto dalle correnti d'aria, battendo appena le forti ali dorate. La vecchia aquila alzò lo sguardo, sorpresa. «Chi è quello?» chiese. «E l'aquila, il re degli uccelli! » rispose un pollo che era lì vicino. «Ap­partiene al cielo, mentre noi apparteniamo alla terra». E così l'aqui­la visse e morì come un pollo, perché pensava di essere tale.

    Anthony De Mello

    (28/05/2012 Tg0-positivo)