Condividi: Ok Notizie Technorati Virgilio Facebook
Mail Tg0+Scrivi alla redazione di Tg0-positivo

Macrolibrarsi.it presenta Weleda: in accordo con uomo e natura

Dice il saggio ...
Vis consilii expers mole ruit sua. La forza senza intelligenza rovina sotto il suo stesso peso (Orazio (Odi, III, 4, 65))

Altri link utili nelle seguenti categorie di Tg0-positivo:
Tu sei unico » Ricerca » Salute

La libreria di Tg0-positivo - Cerca tutti i libri che vuoi e altri prodotti originali a prezzi speciali su Macrolibrarsi
  • Astrologia Siderale

  • Maternità, guida alla tutela della salute nel lavoro

    Maternità, guida alla tutela della salute nel lavoro

    Un vademecum stilato in provincia di Treviso

    Ogni giorno, dietro il banco del bar o alla cassa del supermercato o del negozio, lavorano con passione e professionalità fornendo un servizio alla comunità. Ma basta pensare a situazioni come quella della banconiera, spesso esposta a sbalzi termici, e alla movimentazione manuale dei carichi o all’utilizzo di alcuni mezzi di trasporto o alle tante mansioni del commercio dove è prevista una ‘stazione eretta prolungata’ per capire che le tante donne impiegate nel commercio, nel turismo e nei servizi possono correre veri rischi, che diventano pericolo durante la gravidanza.

    Capire come muoversi in tal senso e quali sono le prescrizioni per la richiesta di un’astensione anticipata dal lavoro è oggi possibile grazie al vademecum “Maternità: guida alla tutela della salute nell’ambiente lavorativo” presentato da Ebicom e realizzato, grazie alla collaborazione di Inail, Inps, Provincia di Treviso, Filcams-Cgil, Fisascat Cisl, Uiltucs-Uil Treviso, Ulss 9 e Spisal 7-8-9, Comando dei Vigili del Fuoco, Direzione provinciale del Lavoro, Terziario Donna-Confcommercio. “Il vademecum è suddiviso in schede di settore – ha spiegato Lidia Bellina, Spisal Ulss 9 di Treviso – dove vengono elencati i maggiori rischi per le donne, individuati col criterio della massima cautela. Per esempio, i vapori di benzina sono rischiosi anche in fase di allattamento, ma una postura incongrua, una eventuale movimentazione manuale dei carichi e una stazione eretta prolungata possono esseri altrettanti rischi per cui chiedere l’astensione anticipata. Le donne fanno sempre giri dispendiosi tra un ufficio e l’altro per capire come agire, questo strumento è un alleggerimento. È fondamentale che le donne conoscano i propri diritti, ma è altrettanto giusto dare il giusto peso ai rischi senza creare falsi allarmismi”. Solo nel 2010, in Veneto, la Direzione del Lavoro ha concesso 10.584 autorizzazioni per l’interdizione dal lavoro a donne in gravidanza, di cui 1.707 a Treviso. I rischi sul lavoro sono dunque una realtà anche per la donna: nel 2010, del resto, su 15 mila infortuni denunciati 4 mila erano al femminile, mentre su 400 malattie professionali 120 erano denunciate da donne. “Questo progetto comune è di estrema utilità – ha aggiunto Antonio Salvati della Direzione Inail – perché contribuisce allo sviluppo della cultura della sicurezza e migliora così le condizioni ambientali dei luoghi di lavoro, favorendo la conoscenza della normativa e la prevenzione dei pericoli. È un ottimo ausilio”. Il vademecum verrà distribuito attraverso ConfCommercio, le Ulss territoriali e sui luoghi di lavoro.

    (29/09/2011 Tg0-positivo)