Condividi: Ok Notizie Technorati Virgilio Facebook
Mail Tg0+Scrivi alla redazione di Tg0-positivo


Dice il saggio ...
"Che cosa dunque ti inquieta? La cattiveria degli uomini? Pensa che gli esseri ragionevoli son fatti gli uni per gli altri, che la pazienza è una parte della giustizia, che le loro colpe sono involontarie (Marco Aurelio (Pensieri))

Altri link utili nelle seguenti categorie di Tg0-positivo:
Tu sei unico » Ricerca » Salute

La libreria di Tg0-positivo - Cerca tutti i libri che vuoi e altri prodotti originali a prezzi speciali su Macrolibrarsi
  • Al diploma e alla laurea con la dislessia Autore: AAVV

  • Il pane della salute

    Il pane della salute

    Interessante iniziativa a Treviso per promuovere un'alimentazione priva di sale

    Ogni giorno assumiamo dai cibi circa 15 grammi di sale, senza sapere che al nostro organismo ne servirebbero solo 5 per assolvere le proprie normali funzioni. Quelli in più sono letteralmente micidiali perché alla lunga provocano ictus, problemi cardio-circolatori, ipertensione e morte.

    Abbattere sensibilmente gli episodi di ictus (54 mila all’anno, in Veneto) e gli incidenti legati alle malattie cardiache (sono 180 mila i cardiopatici con ischemia cronica, 61 mila i malati di scompenso cardiaco e 85 mila gli infartuati ogni anno) e dimezzare il numero di chi soffre di ipertensione arteriosa (in Veneto si stimano un milione di ipertesi) è alla base del fruttuoso accordo stretto tra il Gruppo Panificatori di Confcommercio e le Aziende Ulss della provincia di Treviso (Ulss 7 Pieve di Soligo, Ulss 8 Asolo e Ulss 9 Treviso), col programma “Pane Mezzosale”. Da qualche giorno, presso oltre 400 esercizi della provincia di Treviso, è infatti possibile acquistare pane contenente il 50% di sale in meno, opportunamente segnalato e tabellato, con un costo in linea col prezzo medio del pane (circa 3.5-4 euro). “Il nostro obiettivo è quello di agire sulla salute della popolazione, aiutandola a cambiare stile di vita – ha dichiarato il Direttore sanitario dell’Azienda Ulss 9 Pier Paolo Faronato – E dunque puntare a un’educazione sull’attività fisica, sull’alimentazione, sui problemi di sovrappeso”. Il nuovo tipo di pane ha già riscosso successo “perché mettendo meno sale – ha aggiunto il presidente del Gruppo panificatori aderenti a Unascom Confcommercio Maurizio Porato – viene esaltato maggiormente il gusto della pagnotta. Usiamo tre tipi di farina: il tipo 2, il tipo 0 e la segale di grano duro”.

    (17/06/2011 Tg0-positivo)