Condividi: Ok Notizie Technorati Virgilio Facebook
Mail Tg0+Scrivi alla redazione di Tg0-positivo

Macrolibrarsi.it presenta Il Libro perduto di Enki di Zecharia Sitchin width=

Dice il saggio ...
La vita è un lavoro che bisogna fare in piedi (Alain)

Altri link utili nelle seguenti categorie di Tg0-positivo:
Tu sei unico » Riflessioni » Sociale

La libreria di Tg0-positivo - Cerca tutti i libri che vuoi e altri prodotti originali a prezzi speciali su Macrolibrarsi
  • Me lo Leggi?

  • A chi può essere utile un coach?

    A chi può essere utile un coach?

    Continua il percorso di approfondimento proposto dalla dott.ssa Erica Parolin*

    2-

    La prima cosa da dire per rispondere a questa domanda è che a tutti è già capitato di avvalersi dell’aiuto di un coach è che tutti noi siamo stati dei coach per qualcun altro.

    Sorpresi?

    Vi è mai successo di aver parlato con un familiare, un amico, un collega, ed esservi poi sentiti meglio? Aver avuto un quadro della situazione più chiaro, esservi sentiti più consapevoli o aver capito che era necessario non perdere altro tempo e fare qualcosa, anche solo una semplice telefonata?

    E vi è mai capitato di ascoltare chi vi raccontava le sue difficoltà sul lavoro o nel gestire i rapporti con il partner, la suocera, il figlio adolescente, il capo, i vicini di casa? Sicuramente parlare con voi avrà fatto bene a questa persona, si sarà sentita capita o avrà accolto qualche vostro suggerimento su come comportarsi nella successiva occasione.

    Ebbene, nella prima situazione vi siete avvalsi di un coach, nella seconda siete stati in qualche modo dei coach!

    Ciò che differenzia e dà valore aggiunto ad un coach professionista è che il coach non è coinvolto emotivamente nella situazione, come spesso accade ad amici e parenti, e soprattutto non dà giudizi o consigli basati sulla propria personale esperienza, non cerca di influenzarvi e non vi dice come farebbe “se fosse in voi” (mai sentite frasi del genere?), perché nessuno “è in voi”, solo voi siete voi e quindi dovete trovare la “vostra” soluzione!

    Il coach professionista utilizza attentamente strumenti e metodi precisi per aiutare il cliente a fare chiarezza dentro di sé e a mettere in atto alcuni comportamenti necessari per realizzare i propri obiettivi, per sentirsi bene e per affrontare la vita con maggiore sicurezza e serenità.

    Un life coach è utile a chi deve prendere una decisione, a chi vuole migliorare se stesso e le proprie abitudini, a chi vuole imparare a gestire il suo stato emotivo in particolari situazioni, ad esempio durante un esame o un colloquio di lavoro, a chi vuole migliorare le sue capacità comunicative e di relazione, a chi vuole superare limiti e condizionamenti derivanti dall’educazione ricevuta o da esperienze negative o dolorose, a chi vuole imparare a porsi degli obiettivi e a raggiungerli, a chi sente che non sta vivendo la vita che desidera e non sa cosa fare, a chi è già soddisfatto e vuole esserlo ancora di più.

    In ambito professionale spesso chi si avvale di un business coach desidera ottenere migliori risultati, vuole gestire al meglio una fase di cambiamento nella carriera o l’assunzione di maggiori responsabilità, se è un imprenditore vuole creare una nuova cultura aziendale o rafforzare lo spirito di squadra, gestire meglio il suo tempo o averne di più per la sua vita privata, valutare delle possibili alternative, incrementare le vendite, diventare un leader per i propri collaboratori o nel proprio mercato di riferimento.

    *

    ERICA PAROLIN

    Nata a Bassano del Grappa il 18/08/1968 e residente a Creazzo (VI).

    Dopo due significative esperienze lavorative in aziende private, dal 2002 lavora presso un’importante Associazione di Categoria, dove si occupa di aggregazioni di imprese.

    Interessata ai temi dello sviluppo personale e organizzativo e del coaching, è Master Practitioner in PNL e, a seguito di un percorso di studi con trainer internazionali, ha conseguito il titolo di “Licensed NLP Coach” certificato dalla Society of NLP di Richard Bandler, co-creatore della PNL.

    (28/04/2011 Tg0-positivo)