Condividi: Ok Notizie Technorati Virgilio Facebook
Mail Tg0+Scrivi alla redazione di Tg0-positivo

Macrolibrarsi.it presenta la nuova collana per bambini Macro Junior

Dice il saggio ...
Amor, ch'a nullo amato amar perdona (Dante (Inferno V, 103))

Altri link utili nelle seguenti categorie di Tg0-positivo:
Tu sei unico » Hobbies » Manifestazioni

La libreria di Tg0-positivo - Cerca tutti i libri che vuoi e altri prodotti originali a prezzi speciali su Macrolibrarsi
  • La spiritualità del corpo Autore: Alexander Lowen

  • Dedicato a Giusto Pio

    Dedicato a Giusto Pio

    Festa grande per il suo 85° compleanno nella Marca Trevigiana

    Una villa trasformata in una vera e propria casa che, fino al 30 gennaio prossimo, accoglierà tutta la sua vita e le testimonianze dei tanti amici, tra i quali i fedelissimi Franco Battiato e Carla Bissi (in arte Alice).

    “Avete fatto qualcosa di grande grande che non so dire”. Così Giusto Pio, musicista e compositore di fama internazionale nato a Castelfranco Veneto, ha commentato visibilmente commosso la festa per il suo 85° compleanno organizzata l’11 gennaio scorso, nella gremitissima villa Benzi Zecchini a Caerano di San Marco.

    Violinista nell’Orchestra Rai per oltre 30 anni, Giusto Pio ha suonato con i maggiori musicisti e direttori d’orchestra del ’900. Compositore di fama internazionale, sperimentatore costante e silenzioso, è conosciuto per le collaborazioni con alcuni tra gli artisti più importanti della scena musicale italiana, in primis Franco Battiato, con cui ha instaurato un sodalizio artistico e umano che lo ha portato a nuovi traguardi nei campi della musica leggera e d’avanguardia.

    Una festa piena di calore, dunque, e di grandi amici che hanno accompagnato l’artista in questi anni, in un reciproco scambio di amicizia e professionalità. È Mirko Sernagiotto, presidente della Fondazione villa Benzi Zecchini, a ricordare la carriera di Giusto Pio, iniziata prima nella sua Treviso e poi proseguita come violinista nell’orchestra Rai, fino all’incontro con Battiato, alle composizioni di musica sacra, all’utilizzo dell’elettronica e all’apertura verso le arti figurative. Dietro il grande artista c’è però anche un grande uomo che, nonostante una naturale timidezza, non ha mai mancato agli appuntamenti col destino: “Furono i suoi figli a dirgli di accettarmi come allievo per imparare a suonare il violino – racconta sornione Franco Battiato, ridendo al pensiero del loro primo incontro che poi segnò il destino di entrambi - Lui era riluttante, loro gli dissero che ero famoso, di prendermi!”. Un uomo che, paradossalmente, non ama dunque i riflettori ma che i riflettori hanno ostinatamente cercato per comporre la storia della musica italiana: “Lo volli sul palco, credo, nel 1977 – ha ricordato ancora il Maestro Franco Battiato che deve a Giusto Pio le canzoni “L’era del cinghiale bianco”, “Vento caldo dell’estate”, “I treni di Tozeur” e la famosa “Per Elisa” con la quale Alice vinse Sanremo 1981 - e gli chiesi di venire a improvvisare qualcosa sul palco dell’università di Brescia dove tenevo un concerto. Mi disse che avrebbe accettato solo a un patto: che avesse potuto cambiare idea all’ultimo momento e filarsela. Io dovetti accondiscendere. Quando venne quel giorno, non solo salì ma volle proseguire l’esibizione da solo e non c’era verso di farlo scendere!”

    La mostra di villa Benzi Zecchini, che prevede un excursus tra le opere pittoriche dipinte di suo pugno e tra le numerose testimonianze che ricordano la carriera dell’artista e la vita dell’uomo, accoglie anche le opere di Romano Abate, di Milo Bianca, di Angelo Gatto e Bruno Gripari e sarà visitabile fino al 30 gennaio. Tre i concerti previsti, a ingresso libero: sabato 22 gennaio nella Chiesa di Santa Maria in Colle a Montebelluna per scoprire la sua produzione concentrata, negli ultimi anni, attorno ad un’originale sintesi tra musica elettronica e musica sacra; sabato 29 gennaio al Teatro Maffioli di Villa Benzi, musiche “leggere” composte da Giusto Pio e Franco Battiato ed eseguite dall’Orchestra Ritmico Sinfonica Italiana diretta dal Maestro Diego Basso; domenica 30 gennaio concerto di musiche strumentali proposte dall’Ensemble Baroque and Blue, ultimo evento del progetto «Dedicato a Giusto Pio». “Se ripenso alle vicende della mia esistenza, alle persone meravigliose che ho conosciuto non ho che da essere grato a Dio di quanto mi è capitato” scrive Giusto Pio nello splendido volume, realizzato per l’occasione, “Dedicato a Giusto Pio” (Zanetti Editore, 19 €), con allegato l’imperdibile cd musicale e l’inedito Dolomiti Suite, proposto come Inno alle Dolomiti, appena dichiarate Patrimonio dell’Umanità. Per info www.villabenzizecchini.it.

    Paola Fantin

    (17/01/2011 Tg0-positivo)