Condividi: Ok Notizie Technorati Virgilio Facebook
Mail Tg0+Scrivi alla redazione di Tg0-positivo


Dice il saggio ...
Solo gli stolti sognano l'unica cosa che non possono avere (Il film 'Il primo cavaliere')

Altri link utili nelle seguenti categorie di Tg0-positivo:
Tu sei unico » Libri & co. » Racconti

La libreria di Tg0-positivo - Cerca tutti i libri che vuoi e altri prodotti originali a prezzi speciali su Macrolibrarsi
  • Il dottor Max Autore: Dego Giuliano. Editore: Rizzoli. Medicina alternativa

  • Gli incanti del Natale

    Gli incanti del Natale

    (segnalato da Fausto Maraldi, facebook)

    In una valle circondata da montagne dell’arco alpino viveva, in un piccolo paese, un ragazzo di dodici anni. Il suo nome era Giovanni, era il primogenito di quattro fratelli e abitava in una vecchia casa costruita dai bisnonni. Il padre coltivava un pezzo di terra, sufficiente a far vivere la famiglia ma non certo ad arricchirla. Nonostante questo, il ragazzo non aveva mai sentito i suoi lamentarsi di quella relativa povertà. Il nonno, del quale Giovanni portava il nome, se n’era andato piú di un anno prima a riposare nel piccolo cimitero del paese, ma il ragazzo ne conservava un ricordo molto affettuoso, perché il vecchio gli aveva raccontato favole e storie fantastiche che avevano nutrito di magica bellezza la sua interiorità.

    Il nonno aveva anche una profonda conoscenza delle virtú medicinali delle piante, e forse questo sapere aveva sviluppato in lui una particolare sensibilità per gli esseri invisibili della natura. Cosí accadeva spesso che, mentre passeggiavano nei boschi, il vecchio richiamasse l’attenzione del nipote sull’invisibile presenza di uno gnomo, una fata o un’ondina, celati sotto una grossa radice, fra lo stormire delle foglie o nel gorgoglio di una sorgente. In realtà il ragazzo non vedeva altro che la natura nel suo solito aspetto, ma credeva al nonno, e in lui si era risvegliata un’ansia, come una nostalgia di saggezza e conoscenza, che sembrava venire da lontano, ma non avrebbe saputo dire da dove. Nelle sere di inoltrata primavera e d’estate, di frequente Giovanni e il nonno erano rimasti seduti vicini in silenzio, su un muretto dietro la casa, a contemplare il sole che a poco a poco scendeva dietro gli alti picchi dei monti lontani. Il vecchio fumava la pipa e con gli occhi socchiusi e lucenti osservava il tramonto;il ragazzo si colmava di quella bellezza, ogni giorno uguale e ogni giorno mutevole nei particolari, come sempre accade ai fenomeni naturali.

    Una sera, in quel breve tempo in cui il sole è già tramontato e le ombre appannano la terra, prima chela notte l’avvolga, nel cielo campeggiava il primo pallido spicchio di luna crescente. Il nonno la guardava con venerazione, parve a Giovanni, e a un tratto ruppe il silenzio. «C’è una cosa che dovrei dirti –mormorò – ma… la saprai al momento opportuno». Poi si alzò e rientrarono in casa. L’incanto di quella profonda sintonia fra Giovanni e il suo vecchio era stato spezzato dalla morte: il ragazzo aveva sperimentato il primo grande dolore della sua giovane vita. Giovanni crebbe di colpo, ma si sentiva solo, finché una notte sognò il nonno, che con sguardo affettuoso e sorridente gli disse:«Non temere il futuro, abbi fede in Dio e sii coraggioso!».

    Giovanni si svegliò e avvertí di nuovo la sintonia che li aveva uniti. Capí allora che non sarebbe mai piú venuta meno, e con un senso di calore al cuore riaffondò nel sonno. Passò un anno e si avvicinò il tempo del Natale. Giovanni sentiva la pace che dal cielo scendeva sul mondo, come la neve che copriva ogni cosa e favoriva il silenzio della natura e degli uomini. Era una condizione che il ragazzo, di carattere dolce e tranquillo, prediligeva, perché favoriva in lui il raccoglimento. Ora che il nonno non c’era piú, egli amava stare solo con se stesso e nella solitudine cercava le risposte alle domande che si affacciavano alla sua mente. Cosí, la sera della vigilia, non riuscí ad addormentarsi enel buio, appena rischiarato dalla luce delle stelle, aspettò la mezzanotte. Quando udí i canti provenire dalla chiesa vicina, si alzò dal letto, cercando di non far rumore, accese la candela che stava sul comodino e andò nella grande cucina, annerita dal fumo del camino. In un angolo c’era l’albero di Natale, un giovane abete ornato di ghirlande di carta colorata, sotto al quale era stato composto il presepe. Giovanni prese una seggiolina dal focolare spento, poggiò la candela accanto al presepe e vi sedette di fronte. Alla debole luce guardava assorto la grotta, dove la Madonna e San Giuseppe stavano chini sul Bambino che giaceva sulla paglia. A poco a poco si sentí avvolgere da un dolce calore e, senza avvedersene, si assopí. Un canto armonioso e possente riempí l’aria, mentre l’interno della grotta s’illuminò di luce piú vivida.

    Qando infine si riscosse, le voci angeliche tacevano e la luce nella grotta si era spenta; rimaneva solo quella della candela. Volse lo sguardo alla finestra: al di là del vetro, nel cielo, una stella palpitava piú grande delle altre. Ora Giovanni sentiva vivere nel cuore il mistero del Natale e nel cuore lo comprendeva, come gli umili pastori. Forse un giorno, chissà quando, di quel mistero avrebbe ottenuto la conoscenza e quell’ansia sottile, germogliata nel profondo del suo essere, sarebbe stata appagata. All’improvviso avvertí il freddo di quella notte innevata, della grande cucina non riscaldata dai ceppi ardenti nel camino e di corsa tornò nel suo letto, dove il tepore delle coperte gli conciliò un placido sonno.

    Il Natale trascorse sereno. Il pranzo fu piú ricco del solito, i dolci abbondanti, e nel pomeriggio vennero in visita i parenti. Ai bambini di casa si aggiunsero i cuginetti e cosí, fra adulti e piccini, in casa regnava un gran chiasso. Fuori i ragazzi piú grandi giocavano a palle di neve e anche Giovanni fu coinvolto. Quando infine gli ospiti se ne andarono, la sera era già inoltrata e la pace ritornò nella casa. Giovanni fu l’ultimo ad addormentarsi: nel silenzio sentiva risuonare l’eco del canto possente, e cullato da quella melodia cadde in un sonno profondo. Passò qualche ora e il sonno lasciò il posto ai sogni: il ragazzo rivide la stella della sera prima. Ora però sembrava ingrandirsi, dilatarsi, fino a divenire quasi un cerchio di fuoco: al centro l’immagine di un essere alato e soave si fece sempre piú distinta.

    Era vestito di un azzurro luminescente. «Sono il tuo angelo custode – disse la visione. – Ti farò incontrare gli esseri invisibili della natura e ti porterò nel luogo che tutti gli uomini di buona volontà desiderano trovare, ma solo gli eletti del Cielo riescono a raggiungere». L’angelo tacque e scomparve, e a Giovanni sembrò di essere trasportato verso l’alto, dove miriadi di stelle splendevano nella conca profonda del firmamento. Ognuna era una luce pulsante, mentre allo zenit si stagliava una falce sottile di luna crescente, bianca e trasparente. Era misteriosa, come se racchiudesse un grande e meraviglioso segreto. La sua luce vinceva il palpito delle stelle: pareva la Signora della Notte. Il sogno terminò e il ragazzo continuò a dormire, ma quando al mattino si svegliò, ricordava nitidamente la visione. Si sentí pieno d’amore, come se il suo essere fosse ora capace di amare tutto e tutto comprendere: il cielo e la terra, le creature viventi e la natura, la notte e il giorno.

    La mattina dell’ultimo giorno dell’anno, Giovanni avvertí il bisogno di una passeggiata nei boschi. Quei giorni di festa, con tutto il viavai di gente in casa sua, lo avevano distratto troppo e si sentiva confuso e irritabile. Perciò si incamminò verso il monte piú vicino, dove tante volte aveva passeggiato con il nonno. Procedette spedito fin quando si sentí avvolto da un consolante silenzio, poi rallentò e proseguí a passo normale. A un tratto, da un folto d’alberi, vide venirgli incontro un giovane biondo avvolto in unlungo mantello di lana. Aveva gli occhi azzurri e luminosi e il volto dolce e puro. Era vestito come un montanaro, ma nei tratti e nel portamento non sembrava tale. Aveva qualcosa di familiare, pensò Giovanni, come se lo avesse già visto.Il giovane, dopo aver salutato il ragazzo, si rivelò un forestiero di passaggio e gli chiese di accompagnarlo per un tratto, perché non conosceva i sentieri del bosco e avrebbe potuto perdersi. Era diretto a un luogo che Giovanni conosceva, e al quale effettivamente si giungeva attraverso il bosco.

    Il ragazzo acconsentí e si misero in cammino. Mentre avanzavano, il giovane narrò a Giovanni del suo lontano paese, i cui abitanti possedevano poteri meravigliosi. Il ragazzo ascoltò stupito e incantato, finché giunsero a una radura. Stanchi del cammino, sedettero sul tronco di un albero abbattuto da un fulmine, dopo averlo ripulito dalla neve, mentre il silenzio del bosco li invitava a una tacita contemplazione. Giovanni avvertiva il mistero di quel grande silenzio, il senso di raccoglimento e di riposo che ne emanava. A poco a poco fu invaso dalla sonnolenza e, come in sogno, vide il bosco animarsi di strani esseri. Due gnomi dall’aria molto seria passarono svelti e scomparvero in un foro che si apriva fra le radici di un albero, mentre bellissime fanciulle dai capelli d’oro e aureolate di luce uscivano dagli alberi, danzando leggere come nuvole. Esseri simili a libellule volteggiavano nell’aria con i corpi lunghi e sottili e le ali trasparenti. Giovanni riconobbe gli invisibili abitanti della natura di cui gli aveva parlato il nonno, e ora di quel mondo fatato faceva parte anche lui. Poi tutto cominciò a svanire, sfumando lentamente in una nebbia indistinta, e dalla nebbia vide avanzare il giovane dal viso d’angelo.

    Ma ora da tutta la sua figura irradiava una diafana luce d’oro. Alzò la mano nel segno delle benedizione, poi cominciò a salire, sempre piú su, fino a confondersi con il sole. La sonnolenza che aveva invaso Giovanni lentamente si dissipò, e quando il ragazzo tornò in sé non avrebbe saputo dire quanto tempo fosse passato. Si guardò attorno e si avvide di essere solo nel bosco, che era quello di sempre. Un uccello, in cerca di cibo, planò basso, poi spiccò il volo e si posò sul ramo d i un larice. In lontananza Giovanni udí le campane di mezzogiorno; controvoglia rimosse la visione incantata, si alzò e si mise a correre verso casa. Una minestra calda lo aspettava in tavola: era quello che ci voleva dopo una mattinata trascorsa sulla neve. Giovanni la mangiò in fretta, mentre in un angolo del suo cuore vivevano dei sogni meravigliosi, che non poteva condividere con nessuno. Ma forse il nonno, dall’altra parte, sapeva, e questa speranza lo consolò.

    Passarono i giorni e giunse la vigilia dell’Epifania. I fratelli di Giovanni, specialmente i piú piccoli,erano eccitati dall’aspettativa dei doni che l’indomani mattina avrebbero trovato nelle calze appese davanti al focolare. Anche Giovanni lo era, pur ostentando serietà. Cosí, quando venne la sera, andarono a letto contenti. Giovanni si fermò qualche momento in piú nella cucina buia per salutare la “sua” stella oltre i vetri della finestra, mentre nel camino si spegnevano a poco a poco le ultime braci. La mamma lo chiamò, esortandolo ad andare a letto, e il ragazzo, staccandosi a malincuore dalla finestra, obbedí. Quando ogni voce tacque nella casa, prima di sprofondare nel sonno, Giovanni ricordò con nostalgia il nonno e tutto l’amore che gli aveva donato, e si rammaricò di non aver saputo aprire il suo cuore al vecchio e di non avergli manifestato le inquietudini che turbavano la sua anima. Se lo avesse fatto, pensò,il nonno gli avrebbe dato i giusti consigli. Tuttavia gli sembrava che una mano celeste lo guidasse e che quella mano lo avrebbe condotto alla giusta meta, anche se Giovanni non sapeva ancora quale fosse. Su questo pensiero il ragazzo si addormentò, e di nuovo vide la prima falce di luna. Sembrava una coppa,sulla quale poggiava una sfera oscura, delineata tutt’intorno da un sottile cerchio luminescente.

    Come nella notte di Santo Stefano, Giovanni sentí che la luna serbava un mistero, il piú profondo. Ma qual era? Nel sogno l’astro irraggiava una luce sempre piú vivida, fino a far impallidire le stelle in un cielo d’alba rosa e oro. Sull’orizzonte, disegnato in quel rosa e in quell’oro, sorgeva un castello che si avvicinava sempre piú… In primo piano, un vecchio dai lunghi capelli bianchi, vestito di una candida tunica che gli copriva la persona fino ai piedi, guardava Giovanni con occhi gravi e sereni di chi, antico quanto il mondo, conosce i segreti del Tempo.«Osserva questo castello – gli disse – e portala sua immagine nel tuo cuore, perché in esso è custodito il tesoro piú prezioso che vi sia al mondo: la Coppa del Graal. Essa può darti la conoscenza dei segreti nascosti del cielo e della terra, ma devi aver fede in Dio e coraggio. Poco fa hai visto risplendere la Coppa nel cielo della notte: era la falce di luna crescente circondata dal cerchio di luce. Ogni volta che gli uomini la vedranno fra le stelle, il loro cuore si aprirà inconsapevolmente al mistero del Graal, che bisogna cercare e trovare per diventare veri uomini. Anche tu, quando sarai adulto, dovrai metterti in viaggio alla ricerca di questo castello e riuscirai a trovarlo, purché a guidare i tuoi passi siano la compassione e un amore puro e vero. Non temere la sofferenza e ricorda che sei stato scelto per compiere una grande opera d’Amore che aiuta a redimere il mondo».

    Mentre il vecchio pronunciava queste parole, l’immagine del sogno cominciò a dissolversi in una grande luce, che si raccolse a formare una stella. Era la stella di Giovanni, la buona stella che in segreto lo guidava. Il ragazzo si svegliò e si chiese cosa fosse il Graal. Non aveva mai udito prima questa parola, né il nonno gli aveva detto qualcosa in proposito, ma… era forse questo ciò che avrebbe saputo al momento opportuno?... Sí, doveva essere questo, e lui avrebbe atteso. Un fiotto di grata felicità pervase il suo cuore, perché sentí che gli si apriva dinanzi una lunga vita operosa e degna di essere vissuta: il vero grande dono di quella notte d’Epifania.

    Alda Gallerano

    (13/12/2010 Tg0-positivo)