Condividi: Ok Notizie Technorati Virgilio Facebook
Mail Tg0+Scrivi alla redazione di Tg0-positivo

Macrolibrarsi.it presenta il libro: La Pillola

Dice il saggio ...
Laudato s' mi' Signore per sora acqua la quale è molto utile et humile et pretiosa et casta (S.Francesco)

Altri link utili nelle seguenti categorie di Tg0-positivo:
Tu sei unico » Riflessioni » Sociale

La libreria di Tg0-positivo - Cerca tutti i libri che vuoi e altri prodotti originali a prezzi speciali su Macrolibrarsi
  • Le forme pensiero Autore: Anne Givaudan. Editore: Amrita Edizioni.

  • I nidi famiglia, sì grazie

    I nidi famiglia, sì grazie

    Un progetto per diffonderli maggiormente nella Marca Trevigiana

    Un nido-famiglia in ogni Comune della Marca Trevigiana. È questo l’ambizioso traguardo che si sono poste le donne lavoratrici di Cna Impresa Donna di Treviso, sottoscrivendo il protocollo di intesa con la cooperativa sociale “Idea”.

    Per le lavoratrici e imprenditrici trevigiane conciliare lavoro e famiglia è – scusate il gioco di parole – proprio un’impresa. In Italia, lavoro e maternità sono più inconciliabili che in qualsiasi altro Paese europeo, comprese Spagna e Grecia, con un tasso di abbandono del lavoro, dopo la nascita di un figlio, del 27%. Se è vero che nel Trevigiano il tasso di attività femminile sfiora quasi il 60% - mentre il Veneto risulta essere la regione col più basso tasso occupazionale femminile di Italia, pari al 53.9% - è ancora ben lontano dagli obiettivi di Lisbona 2020 che mira al 75% di occupazione sia maschile che femminile, tra i 20 e i 64 anni. È evidente che il tasso di attività femminile è direttamente proporzionale ai servizi offerti alla famiglia. “Due anni fa ho avuto una bimba – ha spiegato Catia Olivetto, presidente dell’associazione della Cna – e ho visto le difficoltà nel conciliare la famiglia con il lavoro, soprattutto se hai i genitori lontani e non puoi appoggiarti su di loro. Questo accordo mi sembra la giusta risposta a tante mamme imprenditrici come me”.

    I nidi-famiglia (o tagesmutter del Trentino) sono stati istituiti dalla Regione Veneto nel 2008. Possono ospitare fino a sei bambini di età compresa tra gli 0 anni e i 36 mesi, per fascia oraria. Per aprire una struttura simile, bisogna avere dei requisiti particolari, tra i quali un’abitazione, una formazione specifica e l’iscrizione all’albo di riferimento.

    Nella Marca Trevigiana, a oggi, ne sono stati aperti 61 ma non sembrano ancora coprire del tutto il fabbisogno. L’obiettivo è dunque ad arrivare ad almeno un centinaio di nidi-famiglia, uno per Comune circa, così da agevolare tutte le donne con problemi di orario – più flessibile che con gli asili nidi pubblici e privati – o che desiderino affidare il proprio piccino a una struttura più familiare. Il contributo della Regione Veneto alle famiglie che inseriscono i bimbi varia dai 70 ai 100 euro mensili, in una struttura con almeno tre bambini. Il Comune di Spresiano, addirittura, eroga di suo altri 50 euro al mese. I soldi arrivano nel giro di qualche mese, tutti insieme. “Sappiamo che le liste di attesa per i nido pubblici e privati sono in netto regresso e non ce ne stupiamo vista la crisi economica, per cui le donne si tengono a casa i bimbi – ha aggiunto Luciana Mellone della cooperativa “Idea” – ma non è un calo significativo per noi. Queste strutture in realtà potrebbero diventare invece un vero investimento per le istituzioni. Innanzitutto, dando nuovo lavoro, poi venendo incontro ai problemi di orari di molte famiglie. Ci sono nidi-famiglia che nascono in zone dove molte donne fanno turni di lavoro e si adattano a esse. Non vogliamo sostituirci alle strutture pubbliche, ma essere un’opportunità alternativa”. Cna Impresa Donna individuerà attraverso le sue reti figure idonee al servizio (dette ‘mamme di giorno’) che vogliano aprire, presso la propria abitazione, un nido famiglia, in primis in quelle aree dove è maggiormente richiesto. Inoltre promuoverà presso i propri soci e sul territorio il progetto sottoscritto.

    Per maggiori info www.venetoperlafamiglia.it/.

    (09/12/2010 Tg0-positivo)