Condividi: Ok Notizie Technorati Virgilio Facebook
Mail Tg0+Scrivi alla redazione di Tg0-positivo

Macrolibrarsi.it presenta il LIBRO: Il Codice del Denaro di Raimon Samso

Dice il saggio ...
Un uomo si giudicherebbe con ben maggiore sicurezza da qual che sogna che da quel che pensa (V.Hugo)

Altri link utili nelle seguenti categorie di Tg0-positivo:
Tu sei unico » Riflessioni » Ecologia

La libreria di Tg0-positivo - Cerca tutti i libri che vuoi e altri prodotti originali a prezzi speciali su Macrolibrarsi
  • La meditazione con i Mudra Autore: Andrea Christiansen

  • Consumo consapevole, nella crisi gli italiani migliorano

    Consumo consapevole, nella crisi gli italiani migliorano

    Gli italiani diventano sempre più attenti nel fare la spesa e chiedono (il 71%) che l'etica diventi una strategia aziendale.

    L'italiano medio, un po' stereotipato, è quello di chi non bada a spese, tendente allo spendaccione. Ma la crisi economica ha cambiato le carte in tavola, costringendo il cittadino ad interrogarsi sul suo stile di vita. E magari anche ad orientare meglio il flusso dei suoi soldi, in base a criteri di risparmio e di etica.

    Ce lo rivela la III edizione dell'Osservatorio Consumers' Forum, associazione che riunisce le più importanti associazioni dei consumatori e le maggiori imprese italiane, che attraverso un'indagine affidata a Ipsos (metodo CATI, campione rappresentativo 1000 persone) analizza ogni anno gli stili di vita e le tendenze di consumo degli italiani

    Quando si trovano in difficoltà, infatti, il 79% degli italiani rinunciano a comprare beni di abbigliamento e il 64% a fare la vacanza. Ciò a cui non si rinuncia sono i prodotti che riguardano la salute, come frutta e verdura (85%) e la prevenzione (68%).

    Dall'indagine emerge un altro dato importante: gli italiani diventano sempre più etici e chiedono (il 71%) che l'etica diventi una strategia aziendale. I consumatori sarebbero disposti a pagare ben il 9% in più (ed il 20% di essi si spingerebbe anche oltre il 10% in più) un prodotto di un'azienda che adottasse comportamenti etici e ecosostenibili, che cioè dimostrasse rispetto per i diritti dei lavoratori (47%), che fosse trasparente nei confronti dei consumatori (32%), attenta all'ambiente (30%), alla qualità dei prodotti (29%). "Le circostanze rafforzano le convinzioni dei consumatori in merito all'eticità dei comportamenti delle aziende - aggiunge Veroli - L'etica e la responsabilità sociale diventano valori che orientano gli acquisti, aspetto che nel prossimo futuro inciderà anche sulle strategie di mercato di molte aziende". Per il 73% degli italiani le confezioni dei prodotti dovrebbero essere ridotte al minimo e il 57% dei nostri concittadini se deve scegliere tra due marche dichiara di orientarsi verso quella che tiene alla difesa dell'ambiente. Infine, per il 48% degli italiani dovremmo consumare tutti meno per vivere meglio.

    Fonte: Help Consumatori

    Fonte: Terranuova

    (15/10/2010 Tg0-positivo)