Condividi: Ok Notizie Technorati Virgilio Facebook
Mail Tg0+Scrivi alla redazione di Tg0-positivo

Macrolibrarsi.it presenta il Cofanetto: Reality Transurfing - La Trilogia di Vadim Zeland

Dice il saggio ...
I giurati sono dodici uomini scelti per giudicare quale sia il migliore avvocato (J.Polland)

Altri link utili nelle seguenti categorie di Tg0-positivo:
Tu sei unico » Riflessioni » Ecologia

La libreria di Tg0-positivo - Cerca tutti i libri che vuoi e altri prodotti originali a prezzi speciali su Macrolibrarsi
  • Il coraggio di esser unici e creativi Autore: Osho.

  • Consumo consapevole, nella crisi gli italiani migliorano

    Consumo consapevole, nella crisi gli italiani migliorano

    Gli italiani diventano sempre più attenti nel fare la spesa e chiedono (il 71%) che l'etica diventi una strategia aziendale.

    L'italiano medio, un po' stereotipato, è quello di chi non bada a spese, tendente allo spendaccione. Ma la crisi economica ha cambiato le carte in tavola, costringendo il cittadino ad interrogarsi sul suo stile di vita. E magari anche ad orientare meglio il flusso dei suoi soldi, in base a criteri di risparmio e di etica.

    Ce lo rivela la III edizione dell'Osservatorio Consumers' Forum, associazione che riunisce le più importanti associazioni dei consumatori e le maggiori imprese italiane, che attraverso un'indagine affidata a Ipsos (metodo CATI, campione rappresentativo 1000 persone) analizza ogni anno gli stili di vita e le tendenze di consumo degli italiani

    Quando si trovano in difficoltà, infatti, il 79% degli italiani rinunciano a comprare beni di abbigliamento e il 64% a fare la vacanza. Ciò a cui non si rinuncia sono i prodotti che riguardano la salute, come frutta e verdura (85%) e la prevenzione (68%).

    Dall'indagine emerge un altro dato importante: gli italiani diventano sempre più etici e chiedono (il 71%) che l'etica diventi una strategia aziendale. I consumatori sarebbero disposti a pagare ben il 9% in più (ed il 20% di essi si spingerebbe anche oltre il 10% in più) un prodotto di un'azienda che adottasse comportamenti etici e ecosostenibili, che cioè dimostrasse rispetto per i diritti dei lavoratori (47%), che fosse trasparente nei confronti dei consumatori (32%), attenta all'ambiente (30%), alla qualità dei prodotti (29%). "Le circostanze rafforzano le convinzioni dei consumatori in merito all'eticità dei comportamenti delle aziende - aggiunge Veroli - L'etica e la responsabilità sociale diventano valori che orientano gli acquisti, aspetto che nel prossimo futuro inciderà anche sulle strategie di mercato di molte aziende". Per il 73% degli italiani le confezioni dei prodotti dovrebbero essere ridotte al minimo e il 57% dei nostri concittadini se deve scegliere tra due marche dichiara di orientarsi verso quella che tiene alla difesa dell'ambiente. Infine, per il 48% degli italiani dovremmo consumare tutti meno per vivere meglio.

    Fonte: Help Consumatori

    Fonte: Terranuova

    (15/10/2010 Tg0-positivo)