Condividi: Ok Notizie Technorati Virgilio Facebook
Mail Tg0+Scrivi alla redazione di Tg0-positivo

Macrolibrarsi.it presenta Officina Naturae: Detergenti ecologici e cosmetici naturali

Dice il saggio ...
Ascendendo sulla scala della gioia si raggiunge la perfezione (Torkom Saraydarian)

Altri link utili nelle seguenti categorie di Tg0-positivo:
Tu sei unico » Hobbies » Ciclismo

La libreria di Tg0-positivo - Cerca tutti i libri che vuoi e altri prodotti originali a prezzi speciali su Macrolibrarsi
  • Il dottor Max Autore: Dego Giuliano. Editore: Rizzoli. Medicina alternativa

  • Lo Zen e l’arte di andare in bicicletta

    Lo Zen e l’arte di andare in bicicletta

    La vita e altre forature di un nomade a pedali, edito dalla Ediciclo

    La sua vita testimonia come la tenacia e la forza di volontà possano compiere in un essere umano miracoli e determinare quale sapore avrà tutta la sua esistenza.

    Lui, Claude Marthaler, autore svizzero del libro “Lo Zen e l’arte di andare in bicicletta” portato in Italia dalla casa editrice Ediciclo - specializzata in gradevoli e puntuali libri per viaggiatori su due ruote – ne è l’esempio vivente.

    Nato con la passione delle due ruote che ne ha scandito la vita e riempito i giorni, non si è fermato neppure dopo il terribile incidente col deltaplano che lo ha tenuto immobilizzato per sei mesi.

    Nonostante il parere contrario dei medici che lo avevano condannato a una vita stanziale, Marthaler ha preso a pedalare per tutta l’Europa, fino a spingersi fin sul Himalaya. Poi, nel 1994, è partito per un giro del mondo dal quale è rientrato solo sette anni dopo. Il libro nasce dal racconto di quel viaggio.

    Il libro è ben scritto e si lascia leggere tutto d’un fiato, al punto che non capisci quando è lui a correre su quella bici e quando sei tu. La sua è un’arte, un’arte Zen, per l'appunto.

    Il suo viaggio diventa infatti la metafora del viaggio che ognuno di noi compie durante la sua vita. Marthaler, però, a differenza di tanti altri, ha con sé un pizzico di consapevolezza. L’Autore infatti spiega cosa significa viaggiare a pedali, ma anche come pedalare senza una destinazione, con la mente vuota, vivendo l’attimo e quello che il viaggio offre, senza aspettative, senza desideri, ma per il semplice esserci.

    “Non si comincia mai dal nulla, ma sempre partendo da sé. Io viaggio prima di tutto a bordo di me stesso, gli occhi aperti sull’ignoto, gli occhi chiusi per vedere da dove sono venuto... Ma l’uomo come la bici è forabile: io ho forato, non ne posso più; sul mio ferrovecchio, scoppio di voglia di vivere come l’inforabile Bibendum! Questa è la vita e altre forature”.

    È un libro da leggere non solo per chi ama la due ruote, ma anche per chi cerca di ritrovare se stesso lungo il viaggio della vita.

    Lo Zen e l’arte di andare in bicicletta, Ediciclo Editore (Portogruaro, 2010, € 14.50)

    ****************

    Per info e ordini

    (19/07/2010 Tg0-positivo)