Condividi: Ok Notizie Technorati Virgilio Facebook
Mail Tg0+Scrivi alla redazione di Tg0-positivo

Macrolibrarsi.it presenta la collana di dvd per l'infanzia Il Mondo di Ola

Dice il saggio ...
Conosci te stesso (Chilone (uno dei 7 saggi))

Altri link utili nelle seguenti categorie di Tg0-positivo:
Tu sei unico » Hobbies » Animali

La libreria di Tg0-positivo - Cerca tutti i libri che vuoi e altri prodotti originali a prezzi speciali su Macrolibrarsi
  • Medicina e le Sette Leggi Universali - DVD

  • L'amore non ha confini

    L'amore non ha confini

    Una cagnolina inconsolabile alla ricerca del suo padrone

    TREVISO (4 maggio) - La Disney potrebbe ricavarci il soggetto per un film strappalacrime. Intitolandolo "Perla". Una trama che non è frutto della fantasia, ma che si basa su un fatto vero, per quanto inverosimile, a margine di una tragedia come quella avvenuta venerdì scorso a Fonte Alto, dove due persone hanno trovato la morte.

    "Perla" è una cagnolina nera, razza pincher: era l’amica inseparabile di Eros Porcellato, la più giovane delle due vittime dell’incidente di Fonte. Ed anche lei era nell’auto furgonata accartocciatasi nel tremendo schianto costato la vita anche a Roberto Cera, 44 anni di Piombino Dese. E, da quel momento, nessuno l’ha più vista. Fino a ieri mattina, quando i titolari della Carrozzeria Ballan di Casella d’Asolo l’hanno trovata rannicchiata nel bagagliaio del veicolo destinato ormai ad essere rottamato.

    In pratica la bestiola si è fatta circa 8 km, da Fonte Alto fino asella d'Asolo. Una storia che ha davvero dell'incredibile, ma che ha aperto un barlume di luce nel buio calato sulla famiglia Porcellato. Così, Alberto, il fratello maggiore di Eros, racconta la commovente storia. «Perla era inseparabile per mio fratello. Erano sempre insieme, sia in casa che quando si recava a fare manutenzioni in giro. Erano insieme in macchina anche venerdì e, dopo l’incidente, la cagnolina è fuggita, spaventata. Mio padre sapeva che era con Eros, ma lì, in via Montegrappa, non l'ha trovata. Allora ci siamo organizzati per andarla a cercare sabato, perché qualcuno ci aveva detto di averla vista girovagare attorno al luogo dell’incidente, ma nessuno riusciva ad avvicinarla. Insieme con gli amici abbiamo cercato a Fonte Alto anche quella stessa sera, tanto che il parroco si è spaventato. Abbiamo messo degli avvisi in zona, ma senza esito. Questa mattina (ieri per chi legge, ndr) ci hanno telefonato gli agenti della Stradale di Castelfranco e ci hanno informati che Perla era stata trovata.

    Era nella macchina di Eros, all’interno della Carrozzeria Ballan. L'hanno trovata rannicchiata nel portabagagli e non si lasciava avvicinare da nessuno. Allora abbiamo dovuto mandare a Casella d'Asolo una donna che ci aiuta in casa e che ben conosce Perla e solo con lei si è lasciata prendere. Una storia che ha portato un barlume di luce nel nostro dramma». E chissà se ci sarà anche Perla, questo pomeriggio, a dare l’ultimo saluto all’amico di sempre. Al suo Eros.

    Gabriele Zanchin

    Fonte: Il Gazzettino di Treviso

    (17/05/2010 Tg0-positivo)