Condividi: Ok Notizie Technorati Virgilio Facebook
Mail Tg0+Scrivi alla redazione di Tg0-positivo

Macrolibrarsi.it presenta il Cofanetto: Reality Transurfing - La Trilogia di Vadim Zeland

Dice il saggio ...
E' lecito imparare anche da un nemico (Ovidio)

Altri link utili nelle seguenti categorie di Tg0-positivo:
Tu sei unico ╗ HobbiesAnimali

La libreria di Tg0-positivo - Cerca tutti i libri che vuoi e altri prodotti originali a prezzi speciali su Macrolibrarsi
  • Hrdaya-heart + CD

  • Cervello gatto batte computer 100 a 1

    Cervello gatto batte computer 100 a 1

    I ricercatori stanno cercando di creare dei microchip basati sui modelli felini

    Gatto batte supercomputer 100 a 0, quando si tratta di elaborare le informazioni. E' sulla base di questa constatazione che un gruppo di ricercatori dell'universitÓ del Michigan sta cercando di produrre una nuova generazione di microchip basati proprio sul modello dei felini, che potrebbero essere alla base dei computer del futuro.

    "Quello che stiamo facendo Ŕ costruire un computer come la natura costruisce i cervelli - spiega al sito della Nbc Wei Lu, che coordina lo studio pubblicato dalla rivista Nano Letters - l'idea Ŕ di usare un paradigma completamente nuovo per assemblare i circuiti".

    In un computer convenzionale solo pochi elementi sono connessi tra loro, con il risultato che questo lavora solo in maniera lineare. Al contrario un cervello lavora 'in parallelo', compiendo pi¨ operazioni allo stesso tempo. Questo permette ad esempio di riconoscere un viso istantaneamente: secondo i calcoli dei ricercatori, il cervello di un gatto ha prestazioni 100 volte superiori a quelle del supercomputer Dawn, che pu˛ simulare 1 miliardo di neuroni.

    Per cercare di avvicinarsi a queste prestazioni i ricercatori stanno sviluppando dei 'memristori', cioÚ degli elementi dei circuiti in grado di 'ricordarsi' se sono stati attraversati da una corrente elettrica. Unendo due chip tradizionali a un memristore si ottiene una cosa molto simile all'unione di due neuroni e una sinapsi, capace di avere una memoria e un apprendimento. "Il prossimo passo - spiega il ricercatore - Ŕ unire centinaia di queste unitÓ, per riuscire a raggiungere la capacitÓ computqazionale di un supercomputer in macchine della grandezza di una bottiglia da due litrý.

    Fonte: Ansa

    (20/04/2010 Tg0-positivo)