Condividi: Ok Notizie Technorati Virgilio Facebook
Mail Tg0+Scrivi alla redazione di Tg0-positivo

Macrolibrarsi.it presenta il libro: La Pillola

Dice il saggio ...
Che cosa importa essere nati in un pollaio di anatre quando si è usciti da un uovo di cigno? (Il Brutto Anatroccolo) (H.C.Andersen)

Altri link utili nelle seguenti categorie di Tg0-positivo:
Tu sei unico » Riflessioni » Sociale

La libreria di Tg0-positivo - Cerca tutti i libri che vuoi e altri prodotti originali a prezzi speciali su Macrolibrarsi
  • Al diploma e alla laurea con la dislessia Autore: AAVV

  • Ragazzi da dieci e lode

    Ragazzi da dieci e lode

    Una classe intera dell'ultimo anno del Liceo Classico Canova di Treviso fa parlare di sé

    Lanciare la moda del 10 in condotta. Una vera e propria sfida quella partita dagli studenti della classe III F del Liceo Classico A. Canova di Treviso, premiati lunedì scorso dalla Provincia di Treviso, per aver preso tutti un bel 10 in condotta.

    Una notizia positiva che si impone finalmente sulle tante notizie negative che riguardano i giovani d’oggi e che trovano anche fin troppo spazio sulle cronache quotidiane, dando l’impressione che sia la normalità.

    La normalità, invece, è fatta di gesti e comportamenti che non fanno clamore ma che danno speranza a questo Paese.

    I ragazzi della III F sono studenti come tutti gli altri, come ci tiene a precisare Sara De Martin, una delle studentesse della III F: “La nostra è una classe coesa, prima di tutto. Cerchiamo di rispettarci, di essere reciprocamente disponibili e a legarci in una sincera amicizia. I nostri professori hanno voluto riconoscere quest’unità e l’uguale impegno che c’è in tutte le materie, lo studio costante, la puntualità nel rispetto delle consegne, la sentita adesione ad iniziative da loro proposte comunque al di fuori dell’orario scolastico. E siamo felici che quanto ci sia di positivo venga riconosciuto. Ma ci teniamo davvero a precisare che siamo studenti come molti altri e speriamo che l’attenzione delle autorità si tenga desta sul riconoscimento del merito scolastico, intellettuale e comportamentale anche al di fuori del nostro caso. Non siamo mosche bianche nell’orizzonte della scuola!”

    Soddisfazione da parte delle autorità provinciali e dalla dirigenza scolastica che hanno ringraziato anche le famiglie per l’ottimo lavoro svolto: “Ci sono ragazzi che fanno squadra, preparati, estremamente maturi, vere eccellenze. E un grazie va alle famiglie”, ha commentato il presidente della Provincia, Leonardo Muraro.

    Un plauso al corpo docente è arrivato dalla preside Alfea Faion, che ha sottolineato come sia importante vedere una scuola che non si impegna solo sul “piano cognitivo ma anche su quello comportamentale, privilegiando la persona nel suo intero essere”. “Speriamo di poter essere di esempio per i nostri coetanei – ha dichiarato infine il rappresentante della classe, Francesco Mattia Mari –, magari lanciando la moda del 10 in condotta!”.

    Questi gli alunni ai quali la Provincia ha dato un riconoscimento: Anna Brunetta, Lucrezia Caminiti, Martina Canazza, Camilla Checchin, Giulia Collatuzzo, Valentina Colzera, Gaia Dal Zilio, Sara De Martin, Gabriele Gentile, Viola Lucio, Francesco Mattia Mari, Alessandra Marinelli, Miriam Michieletto, Virginia Paccagnan, Chiara Paronetto, Marco Spadetto, Chiara Valotto, Enrico Varsori, Irene Viviani, Elisa Zanatta, Simone Zanette.

    PAOLA FANTIN

    (25/03/2010 Tg0-positivo)