Condividi: Ok Notizie Technorati Virgilio Facebook
Mail Tg0+Scrivi alla redazione di Tg0-positivo

Macrolibrarsi.it presenta il LIBRO: Tesla lampo di genio di Massimo Teodorani

Dice il saggio ...
La bellezza Ŕ una lettera di raccomandazione eccellente nel commercio degli uomini (M. de Montaigne)

Altri link utili nelle seguenti categorie di Tg0-positivo:
Tu sei unico ╗ HobbiesAnimali

La libreria di Tg0-positivo - Cerca tutti i libri che vuoi e altri prodotti originali a prezzi speciali su Macrolibrarsi
  • Il quaderno degli alberi antichi e leggendari Autore: Paola Fantin

  • I pulcini sanno contare

    I pulcini sanno contare

    Lo hanno scoperto alcuni studiosi veneti

    I pulcini sono in grado di contare, preferiscono farlo da sinistra verso destra, e riescono pure a identificare un oggetto tra molti. Emerge da uno studio di ricercatori delle UniversitÓ di Padova, Trento e del Saskatchewan in Canada, pubblicato sulla rivista della Royal Society "Biology Letters".

    La ricerca mostra come uccelli di due diverse specie - pulcini di pollo di 5 giorni e nocciolaie di Clark adulte - riescano a identificare, in base alla sua posizione ordinale, un oggetto inserito in una fila contenente 16 oggetti identici tutti allineati e disposti perpendicolarmente di fronte all'animale (in modo che il primo sia il pi¨ vicino e il sedicesimo il pi¨ distante).

    Ma non basta: il risultato di rilievo Ŕ che gli animali hanno identificato l'oggetto nella posizione corretta anche dopo che la fila era stata ruotata di 90 gradi (in modo che entrambi gli estremi della serie fossero equidistanti dall'animale). Entrambe le specie hanno riconosciuto l'oggetto cominciando a 'contare' dall'estremitÓ sinistra.

    La ricerca dimostrerebbe come queste due specie di uccello preferiscano identificare un certo oggetto in una serie di esemplari identici a partire dall'estremitÓ sinistra piuttosto che destra della serie stessa, analogamente a quanto succede per gli esseri umani che contano da sinistra verso destra.

    "Riteniamo che siano necessarie ulteriori indagini per capire la natura della propensione sulla scelta riportata in questo studio - sottolinea la prof. Lucia Regolin, docente del Dipartimento di Psicologia generale dell'UniversitÓ di Padova e tra gli autori della ricerca -, anche se risulta arduo al momento fare un paragone diretto con la linea numerica mentale umana: indagini in tale senso potrebbero fare luce sulla possibilitÓ che i due fenomeni abbiano un'origine evolutiva comune".

    Fonte: Ansa

    (15/01/2010 Tg0-positivo)