Condividi: Ok Notizie Technorati Virgilio Facebook
Mail Tg0+Scrivi alla redazione di Tg0-positivo

Macrolibrarsi.it presenta il cofanetto: Dalai Lama Renaissance - Mt0

Dice il saggio ...
Se non volete avere paura di nulla, considerate che bisognerebbe aver paura di tutto (Seneca)

Altri link utili nelle seguenti categorie di Tg0-positivo:
Tu sei unico » Ricerca » Salute

La libreria di Tg0-positivo - Cerca tutti i libri che vuoi e altri prodotti originali a prezzi speciali su Macrolibrarsi
  • Vie di fuga per il week-end Autore: Bortolotti-Garosci

  • Corsa all'aglio in Cina

    Corsa all'aglio in Cina

    Cura moltissime infezioni

    L'influenza A non fa aumentare solo i profitti delle multinazionali del farmaco ma anche quelli dei contadini e dei verdurai.

    Almeno in Cina, dove secondo il Financial Times è in atto una speculazione selvaggia sui prezzi dell'aglio, considerato dalla medicina tradizionale il rimedio principe contro l'influenza. Il prezzo della pianta medicamentosa - utilizzata nella medicina occidentale principalmente per combattere l'ipertensione arteriosa - è schizzato alle stelle in Cina, primo produttore mondiale, lievitando anche di 15 volte rispetto ai prezzi del marzo scorso, prima cioè della pandemia.

    Il quotidiano britannico scrive che la speculazione sull'aglio dipende in parte dalla forte riduzione del raccolto, perché negli ultimi anni i contadini cinesi hanno abbandonato la coltivazione a causa degli scarsi guadagni.

    Ma non esclude anche una "speculazione vecchia maniera" e ipotizza anche una regia della mafia del Dragone. Un analista ha spiegato al giornale come avviene la speculazione: "Servono un deposito, un mucchio di contanti e alcuni camion", ha detto Jerry Lou, analista della Morgan Stanley per il mercato cinese.

    "La speculazione consiste nel rallentare quanto più possibile la produzione e poi fare offerte molto alte per far risalire i prezzi". Il gioco a quel punto è fatto: "Solo spostando l'aglio da un deposito all'altro si fanno milioni".

    Fonte: Ansa

    Per saperne di più...

    (02/12/2009 Tg0-positivo)