Condividi: Ok Notizie Technorati Virgilio Facebook
Mail Tg0+Scrivi alla redazione di Tg0-positivo

Macrolibrarsi.it presenta la nuova collana Il Filo Verde di Arianna

Dice il saggio ...
La vita non è che un'ombra passeggera... una storia narrata da un idiota (W.Shakespeare)

Altri link utili nelle seguenti categorie di Tg0-positivo:
Tu sei unico » Ricerca » Salute

La libreria di Tg0-positivo - Cerca tutti i libri che vuoi e altri prodotti originali a prezzi speciali su Macrolibrarsi
  • La medicina sottosopra Autore: Mambretti - Seraphin. Editore: Amrita Edizioni.

  • In partenza per la Mongolia per curare i malati

    In partenza per la Mongolia per curare i malati

    Alcuni medici del Ca’ Foncello di Treviso

    Il Direttore Generale dell’Azienda Ulss 9, Claudio Dario, ha salutato oggi i medici in partenza per una missione umanitaria diretta in Mongolia. La missione, guidata da Giovanni Mazzoleni, Primario dell’U.O. di Chirurgia Maxillo Facciale dell’Ospedale Ca’ Foncello, riaccompagnerà nel paese asiatico due giovani pazienti accolte e operate a Treviso grazie al visto sanitario e alla copertura finanziaria concessi dalla Regione Veneto oltre al sostegno offerto dal Lions Club di Treviso e Montebelluna e dall’associazione “Help for Children”.

    Una prima missione, svoltasi nell’ottobre del 2008, portò un gruppo di 4 medici (tra i quali il dott. Mazzoleni) un Anestesista e uno Strumentista ad Arvaiher, un villaggio a 8 ore di viaggio in fuoristrada da Ulan Bataar, la capitale della Mongolia. In accordo con la missione cattolica della Consolata, che opera in quel territorio, svolsero il loro lavoro in un vecchio ospedale, in precarie condizioni igieniche e strutturali, compiendo oltre 50 interventi, di cui 16 di chirurgia maxillo facciale. Tra le molte visite effettuate anche quella di Sukhbath, 20 anni, affetta da esiti di resezione della mandibola e asportazione dell’articolazione e Naidansuren, 30 anni, priva dalla nascita di mani e piedi. Entrambe le donne sono state operate a Treviso, grazie a un visto sanitario per cittadini non europei concesso dalla Regione Veneto e a una raccolta di fondi che ha permesso, da un lato, di garantire viaggio, vitto e alloggio e la necessaria copertura formale dell’impresa, e dall’altro la costruzione delle protesi inferiori, offerte dalla Croce Rossa di Montebelluna e dal Lions Club locale.

    La missione che parte domani durerà due settimane e riporterà nel paese asiatico le due ragazze insieme all’anestesista che le ha accompagnate. La missione, che ha le stesse finalità della precedente, è finanziata dal Lions Club Treviso Europa, da “Help for Children” e dal Golf Club di Martellago e vedrà tra i partecipanti, oltre al dott. Mazzoleni, il dott. Mario Ferro (Chirurgia), il dott. Daniele Frezza (Otorinolaringoiatria), il dott. Sandro Pavan (Anestesia e Rianimazione) e la sig.ra Milena Frigo (strumentista).

    “Il mio saluto e quello dell’Azienda – afferma Claudio Dario – vanno a questi medici e professionisti che partono domani alla volta di una terra lontana, ma oggi più vicina grazie alla loro testimonianza e al fatto di aver ospitato e curato due giovani donne di quel paese. Siamo fieri di aver messo le nostre competenze a disposizione di un fine tanto elevato e orgogliosi della generosità dimostrata anche in questa occasione dalla società civile e dal volontariato. Il mio augurio è di rinnovare con questa missione l’impegno fin qui dimostrato e testimoniato con passione e sacrificio”.

    (01/10/2009 Tg0-positivo)