Condividi: Ok Notizie Technorati Virgilio Facebook
Mail Tg0+Scrivi alla redazione di Tg0-positivo

Macrolibrarsi.it presenta Il Libro perduto di Enki di Zecharia Sitchin width=

Dice il saggio ...
Col sudore della tua fronte pagherai il pane (Genesi)

Altri link utili nelle seguenti categorie di Tg0-positivo:
Tu sei unico » Riflessioni » Informazione alternativa

La libreria di Tg0-positivo - Cerca tutti i libri che vuoi e altri prodotti originali a prezzi speciali su Macrolibrarsi
  • Barra di Sale dell'Himalaya - Salus Pell

  • Una foglia nel caffè e addio allo zucchero

    Una foglia nel caffè e addio allo zucchero

    La Stevia Rebaudiana, ecco la pianta che dolcifica

    ROMA - Una foglia nel caffé e puoi scordarti della zuccheriera: con la Stevia sul balcone di casa non c'è più bisogno di zucchero né chiaro né scuro, né tantomeno di bustine di dolcificante. Perché questa piantina di poche pretese, vagamente simile ad una pianta di basilico, dalle foglie verdi con piccole infiorescenze bianche, è un dolcificante naturale conosciuto da secoli dagli indios del Paraguay e del Brasile, le zone di cui è originaria: e oggi chi ha la passione dell'alimentazione naturale (e del fitness) scopre che una manciatina di foglie seccate sbriciolate non solo nel caffé o nel té, ma anche negli impasti delle torte, rende tutto trenta volte più dolce dello zucchero, a parità di peso, ma a calorie zero.

    Non solo: qualche goccia di concentrato presa 20 minuti prima dei pasti fa da "antifame" in quanto, secondo i produttori (in Italia i floricoltori della Euganea Floricoltori, una cooperativa che riunisce vivaisti di molte regioni), determina un senso di sazietà e porta a mangiare di meno.

    Questo è anche quanto garantisce il tam tam che passa in tutto il mondo (con vere e proprie roccaforti negli Usa) tramite Internet: sostenitori della Stevia sono infatti i gruppi ambientalisti, che la consigliano a chiunque voglia contare su alimenti naturali, combattendo dolcificanti ritenuti "nemici" come l'aspartame. "I clienti la guardavano con perplessità, all'inizio: poi hanno cominciato a incuriosirsi. Ne ho parlato a qualcuno che aveva problemi con il diabete, poi la voce è passata a chi aveva problemi con la linea, e la richiesta è cresciuta". Cos“ Carlo Pastorelli, floricoltore di Bogliasco, nei pressi di Genova, uno dei principali rivenditori della pianta dolcificante, spiega che questa potrebbe essere l'estate della Stevia, venduta a 7500 lire la piantina. Ma dolcifica davvero, come dice il cartellino? Basta assaggiare: una sola fogliolina sprigiona al palato, dopo qualche istante, una fortissima sensazione dolce; e resta, alla fine, un vago gusto di liquirizia. La Stevia (nome scientifico "Stevia Rebaudiana Bertonii") funziona sia fresca che essiccata (e ridotta in polvere), che come estratto in alcool. E' una pianta officinale di poche pretese, che va coltivata all'esterno ed innaffiata a dovere, potata quando i tralci raggiungono la misura di 50-60 centimetri (dalla tarda primavera all'inizio dell'autunno) per permettere nuove vegetazioni e intanto fare la scorta per la stagione fredda. E' una perenne, perciò ogni anno dovrebbe garantire un nuovo raccolto, se è stata adeguatamente protetta durante l'inverno. “Era una pianta poco nota, almeno in Europa - spiega Pastorelli - mentre in Sudamerica è ancora largamente usata e in Giappone viene utilizzata da anni anche in modo industriale, per dolcificare la Diet Coke là prodotta".

    Ma i clienti, cosa dicono? Entrano nel vivaio, danno un'occhiata a gerani e aromatiche per rimettere in ordine il terrazzo o il giardino, e si incuriosiscono: in genere, prima dell'acquisto ci vuole l'assaggio, che vince la diffidenza. E poi, c'è Internet a dare garanzie: della Stevia si parla in parecchi siti, si scopre che i glucosidi che ne determinano il "dolcissimo" potere sono gli Steviosidi e i Rebaudiosidi, che oltre ad essere utilizzata per i dolci e le bevande, può essere utile a regolare il livello di glucosio nel sangue, per migliorare la digestione, distendere, ammorbidire la pelle anche con maschere facciali, prevenire infezioni e carie dentarie.

    Donatella Alfonso

    Fonte: La Repubblica, 13 luglio 2000

    (15/04/2009 Tg0-positivo)