Condividi: Ok Notizie Technorati Virgilio Facebook
Mail Tg0+Scrivi alla redazione di Tg0-positivo

Macrolibrarsi.it presenta la nuova collana per bambini Macro Junior

Dice il saggio ...
Quello che hai in animo di fare non dirlo perché se fallisci sarai deriso (Pittaco (uno dei 7 saggi))

Altri link utili nelle seguenti categorie di Tg0-positivo:
Tu sei unico » Libri & co. » Ecologia

La libreria di Tg0-positivo - Cerca tutti i libri che vuoi e altri prodotti originali a prezzi speciali su Macrolibrarsi
  • Stop allo Stress

  • Nel solco della rigenerazione si coltiva il futuro

    Nel solco della rigenerazione si coltiva il futuro

    L'ultimo libro edito da Veneto Comunicazione e Coldiretti Treviso

    Coltivare il futuro, nel solco della rigenerazione.

    E’ il nuovo libro della Coldiretti di Treviso, edito da Veneto Comunicazione e presentato il 12 febbraio scorso nella prestigiosa Villa Emo di Fanzolo di Vedelago, sede della Bcc Credito Trevigiano, a lanciare un messaggio di speranza in tempi così controversi e difficili sotto il profilo economico: è possibile venir fuori da questa crisi ripartendo dall’economia reale, cioè dal settore primario, l’agricoltura.

    Il progetto editoriale, messo a punto da Veneto Comunicazione di Antonio Barzaghi, Maria Rosaria Nevola insieme ai giornalisti Luca Pinzi e Cristiana Sparvoli oltreché a illustri studiosi e ricercatori, è nato in collaborazione con la Camera di Commercio di Treviso, il Consorzio agrario di Treviso e Belluno e la Bcc Credito Trevigiano, allo scopo di dare una lettura importante dell’agricoltura trevigiana dal dopoguerra ad oggi. “Questo libro ci porta a riflettere sulle nostre comuni origini – ha esordito il presidente del Credito Trevigiano, Nicola Di Santo, facendo gli onori di casa – Contadini e fittavoli si sono riscattati mettendosi insieme e, grazie anche a sacerdoti e parroci illuminati, hanno dato vita ad aziende collettive e, via via, a casse rurali. Possiamo venir fuori da questa crisi, a patto che proteggiamo le risorse della terra da manovre speculative, investendo nel territorio stesso le risorse raccolta da esso. In realtà, in questo libro è scritta non la storia di ieri ma di domani”. Nel libro, si affrontando dunque la questione economica del settore primario, la questione comunitaria dell’agricoltura, le sfide e i riscatti delle nostre imprese, la rigenerazione attuata da Coldiretti e il patto con il consumatore che negli ultimi dieci anni hanno trasformato l’organizzazione agricola più radicata d’Europa in una vera e propria forza sociale. A rendere il documento ancor più pregevole è una galleria di fotografie realizzate dal noto professionista Clive Handerson e corredate da testi descrittivi di Cristiana Sparvoli che “sono in realtà un libro nel libro” come ha commentato l’editore Antonio Barzaghi. “Le anime contemporanee sono rintronate dalle campane a morto che sembrano celebrare il funerale della nostra economia, ma dimenticano tutto quello che si sta mettendo in atto per valorizzare le campagne e le loro attività – ha aggiunto il sociologo Ulderico Bernardi, autore del capitolo “Mezzo secolo di Grandi trasformazioni” – Tutte le grandi innovazioni, in realtà, hanno bisogno di una grande tradizione o non riusciremo a governarle”.

    Il libro è ricco di altri contributi, tra i quali quelli degli economisti Paolo Feltrin, Lisa Callegaro e Marco Valentini (“Il declino e la ripresa (inattesa) del settore primario, una prospettiva di lungo periodo”) e quello del giornalista Luca Pinzi che illustra le fasi storiche di Coldiretti, arrivando fino alle attuali dinamiche che fanno rima con filiera corta e italiana, Mercati agricoli di Campagna Amica e origine in etichetta dei prodotti agricoli. “Volevamo questo prodotto – ha concluso Fulvio Brunetta, presidente della Coldiretti trevigiana – e il dottor Luca Pinzi ha saputo coniugare pregevolmente il contesto storico e chi lo ha vissuto, puntando l’attenzione sì sul dove veniamo ma soprattutto sul futuro. A Treviso parliamo di grandi produzioni riconosciute a livello internazionale, ma è importante che un imprenditore produca reddito e rimanga nel territorio, all’interno di un contesto sociale che lo valorizza”.

    (19/02/2009 Tg0-positivo)