Condividi: Ok Notizie Technorati Virgilio Facebook
Mail Tg0+Scrivi alla redazione di Tg0-positivo

Macrolibrarsi.it presenta il libro: La Pillola

Dice il saggio ...
In verità il modo in cui l'uomo accetta il suo destino è quasi più importante del destino stesso (W.von Humboldt)

Altri link utili nelle seguenti categorie di Tg0-positivo:
Tu sei unico » Ricerca » Risparmio energetico

La libreria di Tg0-positivo - Cerca tutti i libri che vuoi e altri prodotti originali a prezzi speciali su Macrolibrarsi
  • Alleviare il Dolore

  • Energia eolica, regina del settore elettrico d’Europa

    Energia eolica, regina del settore elettrico d’Europa

    Nell'Unione Europea il 43% del parco elettrico del 2008 è rappresentato dall'energia eolica, più di ogni altra tecnologia energetica. Con 8.484 MW nell'anno appena trascorso l'eolico ha toccato quota 65.000 MW totali. L'Italia al terzo posto con oltre 3.700 MW.

    Dopo la notizia del boom eolico degli Stati Uniti, arriva anche quella sull’energia dal vento della vecchia Europa: nel 2008 le installazioni eoliche hanno superato per potenza ogni altra tecnologia di produzione elettrica (incluso gas, carbone e nucleare). Il 43% del totale del parco elettrico del 2008 è rappresentato appunto dall’eolico.

    Per la prima volta l’eolico è la fonte leader in Europa con 8.484 MW, mentre nel 2007 erano stati circa 8.550 MW. A comunicarlo è l’EWEA (European Wind Energy Association), che nelle sue statistiche valuta che a fine anno nell’Unione Europa erano presenti 64.949 MW, con una crescita del 15% rispetto al 2007.

    E’ interessante notare la notevole similitudine dell’andamento del settore nel Nord America e nell’UE: 8.358 MW negli Stati Uniti (8.880 se si aggiunge il Canada). Ma anche il fatto che pure negli States il 42% della potenza elettrica totale installata nell’anno sia stato eolica.

    Anche la rapidità delle installazioni nell’UE è stata veramente significativa: 20 turbine per ogni giorno lavorativo del 2008. Ben oltre 160 mila addetti al settore vi hanno lavorato, direttamente o indirettamente, con un giro d’affari di 11 miliardi di euro.

    La producibilità di energia elettrica degli impianti installati a fine 2008 è stimata in 142 TWh (miliardi di kWh), circa il 4,2% della domanda elettrica dell’Unione (emissioni evitate: 108 Mt CO2, come 50 milioni di automobili non più in circolazione).

    Per una rapida panoramica per paese (che a breve riporteremo nelle nostre statistiche), la Germania e la Spagna lottano ancora per la leadership europea. Nel 2008 è tornata in testa la Germania con 1.665 MW contro i 1.609 MW spagnoli (in totale hanno rispettivamente 23.903 e 16.754 MW). Ma altri paesi mostrano numeri importanti. Tra questi l’Italia con nuovi 1.010 MW che portano ad un totale a fine 2008 di 3.736 MW (oggi al 3° posto nell’UE). Notevole la potenza in Francia (950 MW nel 2008 e con un totale di 3.404 MW) e nel Regno Unito (836 MW e un totale di 3.241 MW). Per un quadro statistico complete è utile scaricare i dati EWEA.

    E’ interessante notare anche che per la prima volta si assiste ad uno sviluppo sostanziale dell’eolico nei nuovi Stati Membri, come l’Ungheria, la Bulgaria e la Polonia.

    Per quanto riguarda l’eolico offshore la potenza rappresenta ancora il 2,3% del totale installato nell’UE: 357 MW nel 2008 per un totale di 1.471 MW.

    In totale nel mondo si stima che lo scorso anno siano stati installati oltre 27 GW (27.000 MW) eolici che porterebbero il totale a fine anno a quasi 121 GW.

    Fonte 5 febbraio 2009

    qualenergia.it

    (19/02/2009 Tg0-positivo)