Condividi: Ok Notizie Technorati Virgilio Facebook
Mail Tg0+Scrivi alla redazione di Tg0-positivo

Macrolibrarsi.it presenta la nuova collana per bambini Macro Junior

Dice il saggio ...
Se io ti amassi, se tu mi amassi, oh come ti amerei (P.Neruda)

Altri link utili nelle seguenti categorie di Tg0-positivo:
Tu sei unico » Riflessioni » Ecologia

La libreria di Tg0-positivo - Cerca tutti i libri che vuoi e altri prodotti originali a prezzi speciali su Macrolibrarsi
  • Le forme pensiero Autore: Anne Givaudan. Editore: Amrita Edizioni.

  • A Boccafossa, è sacra la terra

    A Boccafossa, è sacra la terra

    Presso l'azienda agroforestale della famiglia Cellini

    Un nuovo polo culturale nel cuore dei terreni di bonifica a Torre di Mosto in località Boccafossa, all’interno dell’azienda agroforestale Sacraterra, conosciuta come tenuta Sant’Elena.

    E’ stato inaugurato sabato 10 ottobre su idea e ispirazione di Mariacristina Cellini, giovane imprenditrice agricola trevigiana che da un anno ha avviato i lavori di recupero degli originari edifici agricoli utilizzati fin dagli anni Venti come granai, ricovero attrezzi e cantina e ora destinati, oltre che alla produzione e trasformazione dei prodotti agricoli, a sede del nuovo Polo culturale che potrà contare su 1.000 metri quadrati.

    “In questa azienda, coltiviamo la pera tipica veneziana e, da quest’anno, produciamo anche il Raboso Piave – ha spiegato Mariacristina Cellini, agronomo e attuale presidente del Consorzio di tutela della pera tipica di Venezia – Ma ci sono anche piante officinali coltivate secondo i metodi dell’agricoltura biologica e frutti particolari come l’olivello spinoso, conosciuto come l’oro rosso, pianta dalle proprietà guaritrici proveniente dal Tibet, insieme a frutteti autoctoni come il sambuco e il prugnolo e alla sperimentazione della coltivazione di frutti sconosciuti quali l’olivello e il Goji. L’intenzione è quella di unire ricerca e tecnologia a ricette tradizionali, perché dagli antichi abbiamo solo da imparare. Il polo culturale intende dunque porsi come punto di riferimento sia per i consumatori, ma anche per bambini e studenti, ai quali intendiamo trasmettere il valore della terra attraverso eventi, corsi, workshop, convegni”.

    Una notizia accolta con favore dalle autorità presenti all’inaugurazione – Regione, Provincia e Comune – che hanno confermato pieno appoggio, in particolare il Comune di Torre di Mosto che nello stesso giorno ha inaugurato il suo Museo del Paesaggio.

    Paola Fantin

    (05/11/2008 Tg0-positivo)