Condividi: Ok Notizie Technorati Virgilio Facebook
Mail Tg0+Scrivi alla redazione di Tg0-positivo

Macrolibrarsi.it presenta il LIBRO: The Bond - Il Legame Quantico di Lynne Mc Taggart

Dice il saggio ...
Non si prova desiderio di ciò che non si conosce (Ovidio)

Altri link utili nelle seguenti categorie di Tg0-positivo:
Tu sei unico » Arte » Cinema

La libreria di Tg0-positivo - Cerca tutti i libri che vuoi e altri prodotti originali a prezzi speciali su Macrolibrarsi
  • Linea Prodotto al Palo Santo

  • Non è mai troppo tardi

    Non è mai troppo tardi

    Un film con i grandi Morgan Freeman e Jack Nicholson

    Carter Chambers (Morgan Freeman) ha fatto il meccanico per quarant'anni, diviso tra le responsabilità del lavoro e della famiglia. Avrebbe voluto fare il professore di Storia ma la vita ha disposto altrimenti. Ora, sta morendo, e rimpiange le tante cose non fatte, non avute.

    Il miliardario Edward Cole (Jack Nicholson) ha passato tutta la vita a fare soldi e non sa cosa manca alla sua vita, crede di aver avuto tutto, di esser pronto a cadere nell’oblio e lo vuol fare in grande stile, nel modo in cui è vissuto.

    Quando si ritrovano a condividere una stanza d'ospedale, insieme, decidono che ‘non è mai troppo tardi’ e che qualsiasi sia il tempo rimasto non rimarranno a casa ad attendere la fine, annichiliti dal compianto e dal dolore degli altri.

    Malgrado le apparenti diversità, i due scoprono presto di avere due cose molto importanti in comune: il bisogno fino ad ora insoddisfatto di venire a patti con sé stessi e le scelte che hanno fatto e il desiderio di trascorrere il tempo che rimane loro per fare tutto quello che avrebbero sempre voluto fare. La lista di Carter - iniziata un po’ per gioco ricordando l'esercizio di un vecchio professore di Filosofia che lo invitava a scrivere ciò che avrebbe voluto fare quando fosse giunto al capolinea - non è più solo un esercizio mentale. Diventa un'agenda, un pezzo di carta che passa di mano in mano, fatto a brandelli nei momenti di disperazione dall’uno e ricomposto dall’altro, in un incoraggiamento reciproco. Il tema della morte viene così affrontato dai due in un modo che sta tra il serio e il faceto, senza illusioni o luoghi comuni ma nella piena consapevolezza che ora è giunto il momento di guardare in volto colei che li ha accompagnati, passo passo, per tutta la vita, in attesa del suo momento.

    Sopra la cima della Piramide egiziana, Carter chiede a Edward: “Secondo le credenze egiziane, quando gli uomini si presenteranno in cielo si sentiranno fare due domande e ora te le farò anch’io. Hai avuto gioia dalla tua vita?” Imbarazzo di Edward che si strappa un sì un po’ tirato.

    “Hai portato gioia nella vita degli altri?” Edward non sa più cosa rispondere.

    A questa cruciale domanda ambedue tenteranno, con successo, di rispondere nel corso del film, dal finale intenso e ricco di messaggi.

    Un film consigliato a chi voglia - anche ai più giovani - approfondire questa tematica col sorriso sulle labbra e la consapevolezza che la morte, come la vita, dovrebbe finire sempre in una gran risata.

    ***************

    Titolo originale: The bucket list

    Regia: Rob Reiner

    Sceneggiatura: Justin Zackham

    Scenografia: Bill Brzeski

    Fotografia: John Schwartzman

    Costumi: Molly Maginnis

    Musiche: Marc Shaiman

    Montaggio: Robert Leighton

    ***************

    Anno: 2007

    Nazione: Stati Uniti d'America

    Distribuzione: Warner Bros

    Durata: 96'

    Data uscita in Italia: 25 gennaio 2008

    Genere: drammatico

    (05/08/2008 Tg0-positivo)