Condividi: Ok Notizie Technorati Virgilio Facebook
Mail Tg0+Scrivi alla redazione di Tg0-positivo

Macrolibrarsi.it presenta il LIBRO: Scopri il Segreto della Guarigione di Joachim Faulstich

Dice il saggio ...
Quanto tempo risparmia chi non sta a guardare ciò che il suo vicino dice o fa o pensa (M.Aurelio)

Altri link utili nelle seguenti categorie di Tg0-positivo:
Tu sei unico » Riflessioni » Ecologia

La libreria di Tg0-positivo - Cerca tutti i libri che vuoi e altri prodotti originali a prezzi speciali su Macrolibrarsi
  • Il Vero profeta Autore: Mac

  • Austria blocca mais Ogm Mon863

    Austria blocca mais Ogm Mon863

    Greenpeace: “Un esempio da seguire in Italia e in Europa”

    Roma, 25 luglio 2008 – “Analisi di laboratorio mostrano chiaramente che il mais MON863 produce segni di tossicità per gli animali, ciononostante la Commissione europea continua a permettere l’ingresso di questo Ogm nella filiera alimentare.” denuncia Federica Ferrario, responsabile campagna OGM di Greenpeace “È decisamente preoccupante che il sistema autorizzativo europeo per gli Ogm non riesca a identificare questi pericoli, un chiaro segnale che una riforma radicale è quantomai necessaria.”

    Il MON863 é nell’occhio del ciclone dal maggio del 2004, quando il quotidiano francese “Le Monde” informava che i topi nutriti con questo mais transgenico mostravano cambiamenti nella composizione del sangue e possibili danni agli organi interni. Nonostante le controversie di natura scientifica, la Commissione europea nel gennaio 2006 ha permesso l’importazione di questo Ogm nel mercato europeo per uso alimentare e mangimistico. L’ok è arrivato contro il parere della maggioranza degli stati dell’Ue: a settembre del 2004, 14 Stati membri avevano votato contro l’autorizzazione del mais Monsanto, mentre solo 5 Paesi avevano dato parere favorevole.

    Investigazioni di Greenpeace e ulteriori studi indipendenti, pubblicati nel marzo del 2007, hanno confermato che fegato e reni dei topi alimentati con mais MON863 venivano danneggiati. “E’ semplicemente inaccettabile che l’Unione europea anteponga gli interessi commerciali di aziende come la Monsanto alla sicurezza dei cittadini europei. Il bando austriaco e’ un esempio da seguire in Italia e in tutti gli stati europei” conclude Ferrario.

    ***********

    Approfondimenti:

    - Il fallimento del sistema autorizzativo degli Ogm, il caso del MON863: www.greenpeace.org/italy/ufficiostampa/rapporti/mon-863-07

    - Mais MON863, cronaca di un sistematico inganno: www.greenpeace.org/raw/content/italy/ufficiostampa/file/cronologia-mon-863.pdf

    - Lo studio pubblicato sulla rivista scientifica "Archives of Environmental Contamination and Toxicology": www.springerlink.com/content/02648wu132m07804/

    (04/08/2008 Tg0-positivo)