Condividi: Ok Notizie Technorati Virgilio Facebook
Mail Tg0+Scrivi alla redazione di Tg0-positivo

Macrolibrarsi.it presenta il LIBRO: Il Codice della Guarigione di Alexander Loyd e Ben Johnson

Dice il saggio ...
Solo chi non fa nulla, non sbaglia mai (Anonimo)

Altri link utili nelle seguenti categorie di Tg0-positivo:
Tu sei unico » Riflessioni » Ecologia

La libreria di Tg0-positivo - Cerca tutti i libri che vuoi e altri prodotti originali a prezzi speciali su Macrolibrarsi
  • Zen Autore: AAVV

  • Il carbone pulito che non convince

    Il carbone pulito che non convince

    Greenpeace critica il progetto Enel del carbone ‘pulito’

    Roma, 14.03.08 - “Il piano industriale presentato dall’Enel nei giorni scorsi è uno schiaffo alla politica ambientale dell’Italia per il contenimento delle emissioni di gas serra.” Questo il commento di Greenpeace alle dichiarazioni rilasciate dal Gruppo.

    “Se da una parte possiamo rallegrarci che Enel voglia aumentare i propri investimenti sulle rinnovabili, che passano da 4,1 a 6,8 miliardi di euro al 2012, dall’altra dobbiamo osservare che, secondo i dati diffusi, questo rappresenterà meno di un quinto degli investimenti totali, che si concentreranno prevalentemente su nucleare e fonti fossili tradizionali.”

    “In particolare, la decisione di raggiungere a livello nazionale la quota di energia prodotta da carbone al 50% è una mostruosità in quanto il carbone pulito è una balla e gli impianti di Civitavecchia e Porto Tolle non saranno in grado di stoccare le emissioni di CO2” dichiara Francesco Tedesco, responsabile campagna Clima ed Energia di Greenpeace. “Le due centrali immetteranno in atmosfera circa 20 milioni di tonnellate di CO2 aggiuntivi, quando invece il Paese ne deve tagliare circa 100 per rispettare gli oneri di Kyoto”.

    Le tecnologie di cattura e sequestro sono ancora immature, troppo costose, e in precoce fase di sperimentazione. “Se così non è, Enel abbia il coraggio di annunciare che non avvierà alcun gruppo dell’impianto di Civitavecchia fino a quando non sarà in grado di confinare la CO2” propone Tedesco.

    Di fronte alla sfida globale che l’umanità deve affrontare per contrastare i cambiamenti climatici, Enel continua a investire in fonti ad alte emissioni di gas serra e pericolose. In base ai dati posseduti da Greenpeace, Enel dichiara di voler investire 6,3 miliardi di euro in nuovi impianti a carbone e 6,8 miliardi nel nucleare. Riguardo agli investimenti sul nucleare si tratta prevalentemente di vecchi impianti sovietici in paesi dell’Est Europeo, come i due reattori di Mochovce in Slovacchia, privi di un guscio di contenimento che possano prevenire incidenti gravi, come l’impatto di un aereo.

    Secondo il Quarto Rapporto dell’IPCC presentato nel 2007, per contenere il riscaldamento globale del Pianeta al di sotto di +2°C al 2100 è necessario fermare la crescita delle emissioni globali di gas serra entro il 2015, e arrivare al 2050 a un loro dimezzamento.

    (20/03/2008 Tg0-positivo)